L’agopuntura dei punti dell’orecchio si fonda su antiche conoscenze della medicina tradizionale cinese riviste alla luce della più moderna ricerca scientifica e degli studi effettuati in Francia nello scorso secolo dal medico Paul Nogier.

Le mappe degli agopunti dividono l’orecchio in diversi settori (elice, antelice, conca, lobo, fossa triangolare etc) ad ognuno dei quali è collegata una zona del corpo. In questa maniera l’intero individuo si proietta sull’orecchio ed è possibile ricostruire un “homunculus” cui corrispondono tutte le parti del corpo.

Esistono punti di agopuntura auricolari che corrispondono agli arti ed ai loro vari segmenti (dita, mano, polso, gomito, spalla, ginocchio, piede etc.), alla regione vertebrale ed a quella cefalica, agli organi e visceri interni (cuore, fegato, polmone, rene, stomaco etc.). Anche gli organi di senso si proiettano sull’orecchio secondo una specifica topografia.

Alcuni punti dell’orecchio agiscono sul sistema endocrino (punto endocrino) ed altri sullo stato mentale del paziente (ad esempio il punto shenmen – porta dello spirito che ha azione sedativa).

I punti dell’orecchio possono essere stimolati con i metodi più diversi:

  • Dalla puntura dell’ago che può essere estratto dopo 15-30 minuti o lasciato in situ per qualche giorno (esistono confezioni sterili di piccoli cerotti preparate a questo scopo);
    dall’applicazione di piccolissimi magneti delle dimensioni di una testa di spillo;
  • Dall’applicazione dei semi di Wang Bu Liu Xin: si tratta dei semi di una pianta che va sotto il nome di Vaccaria (che in medicina cinese sono annoverati tra i farmaci che moblizzano il sangue). I semi, che sono piccolissimi, sono adatti alla stimolazione degli agopunti dell’orecchio sia per la loro minuscola dimensione che per le irregolarità della loro superficie che sono in grado di stimolare correttamente la cute
  • Dell’orecchio. Anche il loro effetto farmacologico di “muovere il sangue” è sfruttato nello stimolare la pelle cui vengono applicati tramite un piccolissimo cerotto;
    dalla stimolazione manuale effettuata tramite la pressione esercitata con strumenti appositi.

Come nel caso di altri microsistemi e della agopuntura generale somatica, le mappe dell’orecchio possono essere sfruttate non sono a scopo di terapia ma anche per la diagnosi: infatti il riscontro di un’alterazione della pelle di un certo punto può suggerire una malattia del sistema ad esso corrispondente.

Autore: Prof. Osvaldo Semprini

Prof. Osvaldo Semprini
Autore

Docente di Riflessologie Plantare e Auricolare, Cromopuntura e Medicina Trad. Cinese per naturopatia presso alcune Scuole di Naturopatia e Centri Olistici.