L’ambra è una bellissima pietra preziosa, molti la considerano un minerale, ma in realtà è una resina fossilizzata degli alberi, principalmente conifere (Pinus succinifera). Questa pietra dura è di vari colori e veniva utilizzata sin nell’antichità per la creazione di amuleti e gioielli.

Ambra, pietra antica ricca di proprietà

Sin nell’ antichità molte persone portavano questa pietra attorno al collo, per prevenire malattie reumatiche.  Grazie alle sue proprietà elettriche veniva portata al collo l’ambra crea un campo di energia positiva che rasserena chi la indossa.
Il suo colore giallo-dorato, che si ricollega all’energia del sole, aiuta a pervadere il corpo di energia e vitalità, alleviando dolori e malattie.  Potenza la salute e elimina lo stress, allo stesso tempo consegna forza e stabilità al corpo e alla mente.

Viene anche considerata la regina dei talismani e simboleggia l’energia vitale, mentre le sue proprietà energetiche sono di aiuto nel recupero dei tessuti del corpo, trasforma l’energia negativa e potenzia quella positiva, ed è un aiuto a migliore il nostro organismo nella ripresa di malattie.

I benefici dell’ambra:

  • il suo potere energetico è così alto che può pulire e guarire i chakra.
  • Favorisce a mantenere e liberare la mente, stimolando l’intelletto.
  • Aiuta a mantenere uno stato mentale sereno e positivo.
  • E il suo colore giallo-dorato è legato al chakra del plesso solare, si colloca all’altezza dello stomaco, quindi l’ambra aiuta in tutto ciò che ha a che fare con i problemi di digestione.
  • Il fiore della vita è il nome dato ad una mistica figura geometrica che si compone di vari cerchi sovrapposti uniformemente disposti. Conserva un segreto attraverso il quale uno può scoprire lo schema più importante e sacro nell’universo. Questa è la fonte di tutto ciò che esiste; questo è chiamato il frutto della vita.
  • Sul piano fisico influenza positivamente il sistema endocrino, la milza e il cuore.
  • Protegge dalle malattie della gola e dell’apparato respiratorio.
  • Rinforza e purifica l’organismo, infonde calore e favorisce il flusso energetico.
  • Benefica per la regione addominale, il plesso solare, la vescica e l’utero.
  • Contro il dolore fisico.
  • Armonizza tutti i Chakra, il 3° in particolare.
  • Aiuta a trasmutare le energie negative in energie positive, viene utilizzata come calmante di tutto il sistema nervoso.
  • Ambra è la Pietra del Leone, Acquario, Gemelli, Vergine, Capricorno.

I tipi d’ambra e come riconoscerla:

Sin dall’antichità l’ambra suscitato un grande fascino per il suo aspetto e per le sue caratteristiche uniche, andando a collocarsi come una delle principali gemme di origine organica. In natura esistono diversi tipi d’ambra, con variazioni di sfumatore e tonalità di colore.

Ambra gialla

ambra-gialla
Il suo colore ricorda il miele d’orato con sfumature arancioni, dalle tonalità che possono variare dal giallo molto chiaro fino al marrone scuro. Può presentarsi dal trasparente al traslucido sino all’opaco. Viene chiamata l’oro del baltico una delle resine fossilizzate più importanti e antiche, grazie ai suoi bei colori caldi è uno dei tipi d’ambra preferiti dai mercati.

Contiene dal 3 all’8 % di acido succinico, questo differenzia l’Ambra Baltica. La si trova principalmente lungo le coste meridionali del Mar Baltico in Russia, Polonia e Lituania, in Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia, Estonia, Lettonia.

Ambra rossa

La si trova principalmente nello Stato del Chiapas in Messico, ed era conosciuta già ai tempi delle civiltà antiche. Veniva indossata come ciondoli e collane, utilizzata in diversi modi dai Maya.

L’ambra del Chiapas è una resina fossilizzata di antiche foreste di alberi di leguminose (ormai estinte) che attraverso un lungo processo di fossilizzazione assume la consistenza, la trasparenza e i colori che la contraddistinguono. I suoi colori sono caldi e possono variare dal rosso scuro a giallo, miele chiaro

Ambra verde

ambra-verde
L’ambra verde è un tipo di ambra molto ricercata e proviene principalmente della Repubblica Dominicana e deriva dalla resina di Hymenaea protera, una pianta leguminosa vissuta durante il Miocene. I suoi colori sono vari: giallo (il più comune), marrone cognac, rosso, verde e azzurro da cui prende il nome

Ambra blu

ambra-bluSi trova solo nella Repubblica Dominicana ed è di una incredibile rarità.
Secondo uno studio, il suo colore blu è intenso e luminoso, dipende da una particolare molecola fluorescente chiamata perilene.

Gli esemplari più preziosi di ambra verde e ambra blu hanno una fluorescenza unica che la rende una delle più costose. In alcuni casi, in particolare quella proveniente dal Sud America, può presentare forte fluorescenza verde o blu.

L’ambra siciliana o simetite

ambra-siciliana
Per il suo livello estetico è una delle migliori esistenti al mondo. Le prime citazioni sono relativamente recenti, risalgono all’inizio del 1600. La sua magnifica fluorescenza è stata esaltata dalla maestria degli artigiani catanesi e trapanesi dalla metà del 1600 fino alla metà degli anni ‘70 (XX secolo). Successivamente questa tipo di ambra è diventata pressoché introvabile. Il nome “simetite” viene dal fiume Simeto, un fiume importate della Sicilia.

L’Ambra Baltica (succinite)

ambra-baltica
Viene chiamata l’oro del baltico una delle resine fossilizzate più importanti e antiche, grazie ai suoi bei colori caldi è uno dei tipi d’ambra preferiti dai mercati. Contiene dal 3 all’8 % di acido succinico, questo differenzia l’Ambra Baltica. La si trova principalmente lungo le coste meridionali del Mar Baltico in Russia, Polonia e Lituania, in Germania, Danimarca, Svezia, Finlandia, Estonia, Lettonia.

I principali paesi di provenienza

Principalmente possiamo trovare più comunemente l’ambra nelle seguenti regioni:

  • Area del Baltico,
  • Polonia
  • Repubbliche Baltiche
  • Sud America
  • Messico
  • Repubblica Dominicana

Ambra nel buddismo

Rappresenta uno dei Sette Tesori associato alla saggezza, secondo le scienze esoteriche è associata all’equilibrio della mente e alla saggezza; talora all’altruismo.

I suoi riflessi e le sue meravigliose tonalità che vanno dal giallo all’arancione sono le stesse che raffigurano il Gautama Buddha, che favorisce il processo di trasformazione in cui l’orgoglio si tramuta in saggezza di identità.  L’ambra se viene bruciata, tende a sprigionare un intenso profumo simile all’incenso.

Curiosità e precauzioni

Sono di grande interesse per i collezionisti e di grande valore economico gli esemplari che racchiudono all’interno, perfettamente conservati, insetti, ragni foglie, fiori o piccoli vertebrati che sono stati inglobati quando l’Ambra era ancora una resina allo stato fluido e viscoso. Ne esistono pezzi meravigliosi.

Questa gemma vanta diverse imitazioni, che vanno dalle plastiche, alle resine epossidiche, ci sono molti esemplari che vengono ottenuti pressando polvere di Ambra commista a collanti.

Le collane di ambra baltica in alcuni casi vengono consigliate quando spuntano i dentini, e hanno dolore alle gengive.

L’ambra in gioielleria

I principali tagli sono principalmente orientati all’infilatura, per la composizione di collane, ma sono splendidi i cabochon che vengono destinati all’incastonatura su anelli o degli orecchini.

Come conservare l’Ambra

Spesso si può opacizzare e quindi è necessario pulirla con acqua e sapone neutro, sciacquarla con acqua fresca corrente e lasciarla riposare per recuperare la purezza. Il sole amplifica la sua purezza.
Ci sono delle indicazioni per cui l’ambra non perda la sua lucentezza e il suo splendore, non si deve mai usare alcool, se la si indossa non spruzzare profumi

Storia e leggenda

Lo storico Plinio il Vecchio raccomandava di far portare una collana ai neonati per proteggerli da qualsiasi veleno mortale. I gladiatori la tenevano con sé, certi che li aiutasse a vincere in combattimento.
In un tempio Indù di Benares (India) è conservata la collana della dea dei favori, che si ritiene avesse 2.000 anni e realizzi i desideri di chiunque sfiori con le sue mani i sui grani di ambra.
Nel Medioevo in Europa era un rimedio infallibile contro il malocchio e la solitudine.

Mentre in Giappone e Cina veniva bruciata per rendere omaggio alla memoria degli antenati.
L’ambra è legata al segno dei Pesci, ai quali infonde coraggio, capacità di concentrazione, spirito di iniziativa, ottimismo e fiducia nelle proprie capacità.

Redazione
Autore