Olio essenziale di carota: proprietà e benefici

olio essenziale di carota

La pianta della carota, il cui nome botanico è Daucus Carota, è un comune ortaggio appartenente alla famiglia delle Umbrelliferae, originaria delle zone dell’Asia, dell’Europa e del Nord Africa, che vive bene nelle zone ricche di acqua come quelle montane e che trova facilmente il proprio habitat se coltivata in giardino o anche in vaso.

È una pianta erbacea di cui esistono molteplici varietà, tra cui quella che cresce spontanea che è considerata infestante. La pianta coltivata ha come sua caratteristica quella di produrre radici commestibili di colore arancio che possono essere coltivate tutto l’anno.

L’olio essenziale di carota viene distillato dai semi della pianta della carota. Pur essendo un ortaggio molto comune per ragioni culinarie, in realtà il suo olio non è molto noto e quindi in genere viene utilizzato solo dagli specialisti del settore.

Come usare l’olio essenziale di carota al meglio per sfruttare le sue 7 principali proprietà

I principali costituenti biochimici dell’olio sono gli alcoli sesquiterpenoli: carotolo, daucolo; monoterpeni a basse percentuali: ?-pinene, mircene, limonene, ?-pinene; sesquiterpeni: ?-farnesene, ?-bisabolene.

Il suo aroma, differentemente da quello che si potrebbe pensare, non è dolce ma un po’ asciutto e molto aromatico.

  1. Favorisce l’abbronzatura grazie all’alto contenuto di vitamine e antiossidanti

    L’abbronzatura è una protezione della cute dai raggi UVA-UVB. Per quanto il sole apporti molti benefici bisogna fare attenzione a come ci si espone ai raggi solari, e questo soprattutto per i fototipi più chiari. Si consiglia infatti di utilizzare un cappello leggero, evitando possibilmente le ore più calde ed ovviamente stendendo preventivamente sulla cute una protezione solare idonea; ma è un ottimo beneficio preparare la pelle all’esposizione solare qualche mese prima delle vacanze assumendo per via orale 2 perle al giorno di olio di carota insieme a due perle di olio di germe di grano. Questo eviterà che la vostra pelle vada incontro a scottature ed eritemi solari. La carota contiene infatti il precursore della vitamina A, il betacarotene, che se ingerito comporta un incremento della melanina, il pigmento essenziale per la protezione cutanea, che genera dallo strato basale dell’epidermide e che determina anche un’abbronzatura perfetta e senza arrossamenti né scottature.

  2. Facilita la cicatrizzante per la cute

    L’olio essenziale di carota ha un potente effetto cicatrizzante, grazie al betacarotene che assicura la corretta crescita e riparazione dei tessuti, pertanto l’olio essenziale viene utilizzato da massaggiatori sportivi in caso di ulcere, formatesi in seguito a calzature strette, dopo un allenamento intenso. È un vecchio rimedio utile soprattutto per i bambini e per gli anziani, perché non brucia e ripara le lesioni in fretta. In caso di fessure della cute massaggiare leggermente 1 goccia di olio essenziale di carota in 1 goccia di olio di germe di grano sulla ferita 1 volta ad dì, e continuare fino a completa cicatrizzazione.

  3. Possiede proprietà cosmetiche notevoli grazie a glutatione e betacarotene

    L’olio essenziale di carota ha proprietà restitutive, astringenti e antiossidanti per la cute. Betacarotene e glutatione costituiscono una miscela di molecole antiossidanti e antiradicaliche molto potenti per il mantenimento di una pelle giovane e capelli sani; quindi si consigliano impacchi, trattamenti e maschere al viso contenenti la carota per ottenere un effetto antiaging. Si può creare un cataplasma, ottenuto dalla polpa cruda delle carote e versarlo direttamente sulla pelle; oppure si possono unire 3 gocce di Olio essenziale di carota al vasetto di una comune crema per il viso da stendere sulla cute la sera prima di andare a letto. Si attribuisce all’olio essenziale di carota anche un potere blandamente schiarente.

  4. La carota stimola la produzione di latte

    La carota ha proprietà galattogene, il betacarotene è infatti un fitoestrogeno, simile agli estrogeni femminili, in grado di aumentare la produzione di latte promuovendo lo sviluppo della ghiandola mammaria.

  5. Ha proprietà depurative e drenanti sugli organi emuntori come il fegato e i reni

    Il fegato è la ghiandola più grande del corpo umano, essa è molto vascolarizzata, ed ha funzioni importantissime tra cui filtraggio e drenaggio di tossine, mobilitazione e smaltimento dei grassi, produzione di bile, immagazzinamento di vitamine, compartecipazione alla pulizia totale dell’organismo unitamente al sistema immunitario. Date le sue proprietà un fegato affaticato può dare avvio a tutta una serie di scompensi lievi che possono divenire anche gravi, come stanchezza, affaticamento, nausea, edema, problemi cutanei e metabolici. Un fegato intossinato e appesantito da un’alimentazione errata perché ricca di tossine può dar luogo a cefalee dette epatiche, bisogna infatti far attenzione all’abuso di sostanze tra cui cioccolata, banane e formaggi. Anche in caso di terapia farmacologica, dopo una lunga convalescenza, in seguito a patologie che hanno coinvolto fegato e reni, in caso di alcolismo o  comunque in tutti i casi in cui il fegato ha bisogno di essere purificato mettersi semplicemente a dieta non risolve spesso tutti i problemi. Sui reni svolge un’azione diuretica e stimolante. Gli oli essenziali hanno il potere di rigenerare le cellule epatiche e quindi il suo utilizzo è efficace anche in caso di colesterolo alto. Si consigliano 2 gocce di olio essenziale 2 volte al giorno in un cucchiaino di olio di oliva da assumere direttamente o accompagnato ad un pezzo di pane. Oppure eseguire dei massaggi, direttamente sul fegato, con 1 goccia di olio essenziale di carota unitamente a olio essenziale di finocchio e menta (1 goccia + 1 goccia) diluiti entrambi in olio di mandorle dolci.

  6. Utile in caso di pressione bassa

    Quest’olio possiede proprietà ipertensive e In caso di ipotensione si consiglia di assumere per via orale olio essenziale di carota + olio essenziale di Menta e di Pino (1+1+1 goccia) in un cucchiaino di malto sciolto in un infuso di menta. Aggiungere a piacere qualche goccia di limone e bere lentamente.

  7. Rimedio naturale per diarrea indicato per qualsiasi età

    Se si vuole ristabilire la corretta funzione intestinale di bambini, adulti e anziani, si consiglia di assumere una purea di patate e carote per almeno 5 giorni in caso di diarrea e infezioni intestinali. E’ un potente rimedio in grado di riequilibrare la flora intestinale, è un potente remineralizzante.

Curiosità: le carote in cucina

In cucina si utilizzano le foglie fresche delle specie selvatiche e le radici di quelle coltivate, poiché hanno un gusto addolcente. Le radici devono essere opportunamente conservate sotto la sabbia oppure in frigo. Per il loro sapore dolciastro si prestano bene ad arricchire insalate e piatti estivi donando freschezza ai piatti ed un tocco di colore in cucina. Possono essere tagliate in molti modi: a rondelle, a dadini, a cubetti, a striscioline rendendo allegre le portate soprattutto per i bambini che non amano molto le verdure; unite infatti a zucchine lesse e patate danno un gradevole aroma ed un colore spiritoso al contorno per i vostri bambini.

Per uso interno sono consigliati succhi, infusi e centrifugati, minestre, zuppe, dolci e sformati.

Avversità della pianta

Può essere aggredita dal parassita chiamato “mosca della carota”.

Controindicazioni

Seguire le comuni indicazioni valide per tutti gli oli essenziali. Non usare l’olio essenziale in caso di ipertensione. Non utilizzare la carota in caso di stipsi e intestino pigro

 

 

photo credit: carrots via photopin (license)
4.50 / 5 (4 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.