Piantaggine proprietà curative e cosmetiche

piantaggine_proprietà_curative_cosmetiche

Piantaggine proprietà cosmetiche, curative e uso esterno

Le virtù medicamentose della Piantaggine

La Piantaggine appartiene alla famiglia delle Plantaginaceae, che consta più di 200 specie, venticinque o trenta delle quali sono utilizzate per ple proprietà terapeutiche.
Nel nord-ovest del Pacifico crescomno alcune varietà come la Piantaggine comune ( Plantago major) e a foglie strette ( Plantago lanceolata ) .
Il nome del genere Plantago deriva dal classico nome Plantago latino che in latino classico indicava  alcune specie di Piantaggine, tra cui Plantago major e minor .
Il nome è stato formato dal latino classico planta che significa ” pianta del piede ” . perché le foglie di queste specie crescono vicino a luoghi pianeggianti a livello del suolo . Il suffisso -ago in latino significa ” una specie” .

Utilizzata fin dalla preistoria come per le sue proprietà medicamentose, ha proprietà  astringenti, anti tossiche, antimicrobiche, anti infiammatorie, anti istaminiche, emollienti, espettoranti, astringenti e diuretiche.
Fra i rimedi della tradizione folclorica anglosassone, vi è un medicamento ad uso esterno, composto da foglie di Piantaggine ed Edera,  per lenire le punture di insetti, i morsi di serpenti, piaghe, eruzioni cutanee, piaghe cutanee.

L’estratto erboristico per uso interno- in formulazione di tè, tintura, o sciroppo – ottenuto dalla bollitura delle foglie- è indicato per la tosse e la bronchite.

Le varietà della piantaggine: ovata, psyllium e major

La varietà conosciuta come Plantago psyllium:

Le bucce di semi di Piantaggine (Psillio) diventano mucillaginose quando bagnate e vengono utilizzati nella formulazione di lassativi e di integratori di fibre. I semi di Psillio sono utili per la stipsi , la sindrome dell’intestino irritabile, per l’apporto di fibra alimentare e per curarei diverticoli. Gli Integratori di Psillio vengono utilizzati in forma di polvere.
Dosaggio: 7 grammi al giorno assunti con acqua o succhi di frutta , viene utilizzata in caso di colesterolo elevato .

Plantago Ovata:

Questo rimedio è conosciuto come Desert Indian Wheat, è ottenuto dalla macinazione della buccia . La mucillagine viene utilizzata per la sindrome dell’intestino irregolare e la costipazione intestinale. È usato anche nella Medicina Ayurvedica e Unani per i problemi intestinali.

Plantago major:

In Serbia, la Romania e la Bulgaria, le foglie di Plantago major sono utilizzate come rimedio popolare per prevenire l’infezione su tagli e graffi, grazie alle sue proprietà antisettiche. In Slovenia e in altre regioni dell’Europa centrale, le foglie erano tradizionalmente utilizzate per uso topico, in caso di screpolature della pelle e sulle punture di zanzara ( Vestfalia orientale e Ostfalia occidentale)
Ha inoltre proprietà refrigeranti, diuretiche, cura le ulcere maligne,la febbre intermittente. Le foglie sono utilizzate per arrestare emorragie estrene, ma sono inutili anche in caso in emorragia interna: sanguinamento dei polmoni e dello stomaco e in caso di dissenteria.

In Scozia, la Piantaggine viene ancora chiamata ‘ Slan – lus , ‘ “metodo di guarigione”, a testimoniare la comune conivinzione nelle nelle sue virtù curative .

Negli Stati Uniti, la Piantaggine si chiama’ Snake Weed, da una credenza nella sua efficacia in caso di morsi di animali velenosi. Si racconta infatti di un cane che fu punto da un serpente a sonagli e di un medicamento a base di succo di piantaggine applicatogli sulla ferita . L’animale era in agonia, ma si salvò grazie a questo medicamento.

Il Dr. Robinson in New Family Herbal ,1863, ci dice che un indiano ricevette una grande ricompensa dell’Assemblea della Carolina del Sud per avere scoperto la Piantaggine quale il rimedio principale per il morso dei serpenti a sonagli .
Robinson lo indica come un rimedio per tosse  irritazioni, raucedine, gastrite, enterite, bronchite, asma, congestione delle mucose, diarrea, sangue dal naso, reni e problemi alla vescica, ittero, mal di testa, infezioni, epatite, inferitilità, sciatica, tubercolosi, sifilide, mal di denti, l’idropisia, infiammazione oculare.

Piantaggine: decotto a base di foglie per il sangue

Egli indica un decotto a base di foglie essiccate di piantaggine per la coagulazione del sangue .

Il succo fresco della piantaggine invece, ottenuto da foglie e radici, viene indicato da Robinson come un ottimo rimedio in caso di catarro cronico, febbre da fieno, disturbi gastro-intestinali.

Ad uso esterno, egli suggerisce di utlizzare le foglie schiacciate della piantaggine ed per l’applicate in caso di eczema, ustioni, herpes zoster, scottature, ferite, corsa piaghe, ulcere, tagli, graffi, foruncoli, tumori, punture di insetti, punture di ortica ed emorroidi, infiammazioni, lenire i piedi stanchi .

Altri utilizzi della piantaggine

Il succo di Piantaggine mescolato con succo di limone è utilizzato come diuretico .

Tisana per raffreddore e influenza con estratto di piantaggine

Mescolare 1 cucchiaio di estratto secco di Piantaggine secco o fresco ( semi , radici) ad una tazza di acqua bollente , lasciare in infusione per 10 minuti,aggiungere miele e bere durante il giorno .

Trattandosi di un’ erba edibile, le varietà a foglia larga sono a volte utilizzate per insalate , salsa verde.

Piantaggine proprietà curative e cosmetiche, autore: Alessandra Zarone Donadoni, Natutopata e Floriterapeuta

5 / 5 (1 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.