Elenco piante per curare i malesseri invernali

Piante invernali

L’autunno e l’inverno sembrano nostri nemici ma, se guardiamo la natura nella sua forma più completa, vediamo che il suo ciclo vitale permette ad ogni essere vivente di rinascere e vivere fornendo elementi necessari alla sopravvivenza

Ecco alcuni rimedi naturali per far fronte ai più comuni malesseri legati alla stagione fredda:

far scorta di ortaggi colorati come la carota, la zucca, il fagiolo, le bietole rosse, e nutrirsi di radici perché contengono tanta energia e sostanze nutrizionali importanti, come pure i cereali e carboidrati in quanto hanno un potere “riscaldante”.
depurarsi aumentare le difese immunitarie

Le piante con le loro foglie, frutti e fiori ci aiutano naturalmente in questo grazie alle loro proprietà:

  • ORTICA: depura, contiene Vitamina, ferro, calcio, potassio e magnesio (importante per la muscolatura ed il nostro cuore), abbassa il colesterolo, è antiallergica. Si raccoglie prima che faccia il fiore, si fanno decotti o tisane e si utilizza in cucina.
  • BETULLA: depura, stimola la diuresi, consigliata per problemi di calcoli renali, è drenante quindi ottima per la cellulite. È una pianta luminosa quindi aiuta contro la depressione.
  • RIBES NIGRUM (ribes nero): antinfiammatorio vegetale, utile contro il mal di
    gola, tosse e soprattutto contro le allergie e l’asma. Si utilizzano le gemme per preparare il gemmo derivato da prendere poi in gocce lontano dai pasti, consigliato al mattino a digiuno. La posologia va in base ai disturbi. Va bene anche per i bambini.
  • ECHINACEA: previene le malattie invernali-35 gocce al giorno (mattino e tardo pomeriggio); utile anche per combattere la candida; aiuta ad aumentare le difese immunitarie.
  • ENULA: utile contro tosse, catarro; agisce sul fegato, stomaco e reni. Si utilizza la tintura madre (estratto pianta + acqua e alcool) perché la radice risulta amara.
  • TARASSACO: agisce sul fegato, reni, intestino, migliora la pelle (depurando il fegato).Utilizzare come decotto e tintura madre. Utilizzare in cucina.
  • EQUISETO: diuretico, previene l’osteoporosi, rinforza capelli, unghie ed ha funzione emostatica.
  • ROSA CANINA: se ne raccolgono i frutti. È ricca di vitamina C, utilissima nel contrastare raffreddori e influenze. È molto rilassante. Per i bimbi è consigliato: al mattino a digiuno (1goccia ogni 10kg di peso), 3-4 gocce a pranzo e, al pomeriggio, alcune gocce di abete bianco.
  • MENTA: utile per l’apparato respiratorio (tosse, raucedine, raffreddore), per la digestione ed è l’antinausea per eccellenza!
  • CAMOMILLA: utile come digestivo, per contrastare la colite, gastrite, ulcere perché è antiacido. Utile contro il raffreddore (fare suffimigi). L’olio essenziale è di camomilla BLU.
  • SALVIA: utile per la gola (decotto per gargarismi), contro le vampate della menopausa (usare Tintura Madre) ed il ciclo irregolare (usare tintura madre); infuso o decotto per stimolare la digestione, per la bronchite, per la depressione e la stanchezza.
  • ISSOPO: espettorante, anticatarrale, antinfiammatorio. Depurativo per fegato.
  • SAMBUCO: utile contro sinusite e rinite, abbassa la febbre (infuso)
  • PIANTAGGINE: ricca di minerali, molto nutriente (foglie crude e cotte), antiallergica, valida contro tosse e catarro. Utilissima per contrastare irritazioni degli occhi e congiuntiviti.
  • IPERICO: utile contro dolori reumatici e per la digestione. In Tintura Madre può essere utile come antidepressivo (fare però attenzione se si assumono altri tipi di medicinali -es. pillola, anticoagulanti-).
  • MELISSA: rilassante, aiuta a superare lo stress perché va ad agire sul fegato.
  • VIBURNUM LANTANA: utile contro la bronchite asmatica, si usa principalmente con il Ribes nero.
  • AGRIMONIA: astringente (perché ricca di tannini), utile in caso di afonia.
  • ROSMARINO: digestivo, diuretico, aiuta a digerire i grassi (come la salvia), motivo per cui viene utilizzato in cucina, soprattutto con la carne: oltre a dare buon sapore al cibo, offre naturalmente i suoi principi benefici.
  • ABETE BIANCO: utilizzato in pediatria contro tonsilliti, bronchiti, otiti.
    Fissa il calcio.
  • PINO MUGO: funzione balsamica, adatto contro i problemi articolari.
  • TIMO: antisettico, contro tosse, catarro, apporta calorie, combatte dolori articolari (fare massaggio).
  • MELA: frutto nutriente, depura anche mentalmente. Mangiare anche i semi.
  • FAGIOLI: mangiarne pochi (2-3 cucchiai), contiene proteine, riduce grassi saturi. I legumi vanno mangiati 2-3 volte la settimana.
  • POLLINE: ricco di minerali e vitamine. Indicato contro: astenia, anoressia, stitichezza, coliti, prostatismo, impotenza. Importante che sia multicolore.
    Posologia: un cucchiaio al dì
    Contro l’osteoporosi: un bicchiere acqua, 1 cucchiaio aceto di mele, 1 cucchiaio di miele, 1 cucchiaino di polline. Bere prima di coricarsi.
  • BIETOLA ROSSA: antianemico, sgrassa il fegato.
  • EUFRASIA: importante per il benessere degli occhi, contro arrossamenti e congiuntivite.
5 / 5 (1 votes)

Un pensiero su “Elenco piante per curare i malesseri invernali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.