Luppolo: (Humulus lupulus) proprietà e benefici

luppolo

Luppolo: (Ligaboschi o luppolo comune) proprietà nutrizionali e benefici

Il luppolo è una pianta erbacea perenne a portamento rampicante. Originaria dell’Europa meridionale, sino all’Asia occidentale.

Conosciuto fin dall’antichità per il suo potere di contrastare la malinconia, l’ansia, il nervosismo. Risulta molto utile anche quando c’è una perdita di appetito per le troppe preoccupazioni. Lo si trova facilmente nei boschi, tra le siepi e nei campi antichi dove veniva coltivato per la produzione della birra, mìama i terreni fertili e umidi.

Era impiegato principalmente nella fabbricazione della birra, consentendo una sua migliore conservazione.

Durante la coltivazione industriale, fu notato che nei coltivatori di luppolo si avevano effetti sedativi, attribuiti subito a sostanze presenti nel luppolo stesso.

Curiosità sul luppolo:

Il luppolo essiccato al sole si usava come imbottitura dei guanciali, allo scopo di favorire il sonno. Anche gli Indiani d’America utilizzavano il luppolo come sedativo. In America fu approvato dalla Farmacologia, Food and Drug Administration. Si usano le inflorescenze femminili, chiamate coni.

Vernivano usava come imbottitura dei guanciali, allo scopo di favorire il sonno. Anche gli Indiani d’America lo utilizzavano come sedativo. In America fu approvato dalla Farmacologia, Food and Drug Administration. Si usano le inflorescenze femminili, chiamate coni.

La parte medicinale è costituita dalle inflorescenze femminili, ricche di ghiandole resinose, secernenti una sostanza giallastra e dal sapore amaro, contiene: Olio essenziale, Acidi alfa-amari e beta-amari, Flavonoli, sostanze estrogenidìche, tannini polifenolici e Asparagina.

I principali amari sono fortemente stimolanti dell’apparato digerente e aumentano le secrezioni gastriche e intestinali. Possiede anche un’attività antispasmodica.

E’ entrato nella composizione di alcune miscele per tisane, previste dal Formulario Galenico Nazionale.

Le sue proprietà

I frutti del Luppolo e il suo uso in Cucina

I suoi frutti sono piccoli coni si raccolgono in primavera, molto delicatamente, badando a non schiacciarli, essi sono ottimi in cucina come contorno o per fare delle frittate o delle focacce. I suoi frutti si possono sminuzzare e poi fatti bollire come verdura, o se si vuole si possono fare cuocere direttamente in padella a fuoco lento con un pochino di olio di oliva extra vergine e si possono unire delle uova, a vostro piacere, si possono cucinare come gli asparagi.

Ricetta Tisana rilassante con luppolo

Ingredienti:

  • 40 grammi di radice Valeriana (Valeriana officinalis)
  • 40 grammi Passiflora (passiflora officinali) parti aeree.
  • 20 grammi Luppolo (Humulus lupulus) fiori.

Preparazione:

La tisana viene preparata in infusione con acqua calda mettendo 50 grammi di preparato in un litro di acqua bollente. Lasciare in infusione per circa 10 minuti, dopo filtrare il tutto.

La tisana deve essere consumata nel tardo pomeriggio e prima di coricarsi.

photo credit: Hop plant 2015 via photopin (license)
0 / 5 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.