Bilium sciroppo: la bevanda per depurare il fegato

bilium-sciroppo

Bilium, sciroppo una perfetta sinergia tra le piante

il Bilium è un ottimo esempio di comodità utilità e sinergia tra piante, quindi ideale per la depurazione primaverile.

Tra gli estratti contenuti ricordiamo: carota, cipolla, sedano, cetriolo, cavolfiore, capsico, limone, insomma un concentrato d’orto in bottiglia, tutte le proprietà alcalinizzanti per rimuovere l’acidosi invernale accumulatasi, una pulizia connettivale profonda.
E poi le classiche piante attive sul fegato, carciofo, cardo mariano, curcuma un tris vincente; la presenza poi di genziana e oli essenziali di finocchio e carvi esaltano l’attività digestiva.

Le piante attive sul fegato che favoriscano la depurazione

Le piante attive sul fegato riconosciute dalla tradizione erboristica quali il Cardo Mariano, il Carciofo, la Curcuma sono il cardine di questa preparazione che si avvale della presenza di estratti concentrati di Sedano, Carota, Cetriolo, Cavolfiore, Barbabietola rossa, Cipolla, Capsico, un apporto quindi di nutrienti, enzimi, minerali, principi depuratori, antiossidanti, drenanti, sgonfianti, riequilibranti della flora digestiva.

Le piante che favoriscono la digestione

Gli estratti di Camomilla, Melissa, Liquirizia,Genziana e gli oli essenziali di Finocchio e Carvi assicurano una funzione digestiva e antinfiammatoria.

Approfondimenti: Cardo mariano Silimarina e Silibina Carciofo e Curcuma

Cardo mariano: i principi attivi di riferimento sono la Silimarina e la Silibina, entrambe esplicano una netta attività epatoprotettiva i cui meccanismi di azione sono:

  • Attività antiossidante con incremento della concentrazione di glutatione.
  • Bioregolatore della permeabilità delle membrane cellulari e aumento della stabilità della stessa.
  • A livello del nucleo cellulare si ha un incremento della sintesi di RNA e di proteine.

Silimarina e Silibina mostrano un’attività epatoprotettiva verso diverse molecole potenzialmente dannose per gli epatociti quali:

  • Alcool etilico, tetracloruro di carbonio, paracetamolo, galattosamina, lantanidi, e alcuni virus.
  • Protezione contro intossicazione da Amanita Phalloides sia a livello preventivo che curativo inibendo l’attività della tossina verso gli epatociti.
  • Diversi studi clinici testimoniano per un’attività protettrice verso svariati insulti epatici di varia natura in particolare riducendo gli enzimi epatici e della bilirubina; alcuni studi mostrano anche una riduzione della resistenza insulinica e un miglioramento del quadro ematico dei diabetici.
  • Agente ipocolesterolemizzante.
  • Riduzione degli stati d’intossicazione epatica verso molti tipi di intossicazione quali anestesia, inalazione di solventi quindi se ne consiglia l’uso ai soggetti che lavorano in ambienti molto tossici.

Carciofo, le maggiori attività documentate da studi in vivo e in vitro sono:
Attività coletretica quidi aumento della secrezione biliare:

  • Epatoprotettiva contro tossine esogene. La cinrina ha mostrato una attività epatoprotettrice verso il tetracloruro di carbonio addirittura maggiore della silimarina.
  • Antiossidante.
  • Epatorigenerante.
  • Ipolipemizzante.
  • Antidispeptica: nausea, vomito, flatulenza, dolori addominali
  • Antinfiammatorio
  • Diuretico

I benefici della Curcuma

  • Antinfiammatorio, il principio attivo di riferimento è la curcumina la cui attività principale e di tipo antinfiammatorio. Per via orale essa ha dimostrato un’attività pari al fenilbutazone e al cortisone negli stati acuti. Per via locale l’attività sia negli stati acuti che cronici è stata superiore al fenilbutazone.
  • Antiaggregante, la curcumina inibisce l’aggregazione piastrinica con efficacia sovrapponibile all’aspirina con il vantaggio di non inibire la sintesi delle prostacicline a livello aortico per cui protegge da trombosi indotta da sintesi di collagene senza gli effetti collaterali della aspirina.
  • Antiossidante, riduce la emolisi da lipoperossidazione dei globuli rossi, e ha un’azione antiradicale
  • Epatoprotettore, i curcuminoidi mostrano un’azione epatoprotettiva e riducente gli enzimi epatici nel caso siano alti per epatiti.
  • Potenziamento della sintesi del glutatione ridotto.
  • Coleretico, aumento delle secrezioni biliari, bilirubina e colesterolo
  • Antitumorale
  • Antibatterico
  • Migliorativo delle condizioni HIV

La Melissa

La melissa è una delle piante più utilizzate per contrastare gli stati di agitazione da stress. In sinergia con la Camomilla aiuta a calmare gli spasmi a livello gastrico che spesso colpiscono chi è sotto pressione.

Camomilla: rilassa il sistema nervoso e l’apparato gastrointestinale.

Informazioni Utili

Bilum bevanda, prodotto dalla Cosval di Arese, è disponibile in erboristeria, farmacia in confezioni di vetro da 175 ml al prezzo di € 18

Si consiglia l’assunzione di 2° ml (2 misurini) prima di pranzo e di cena.

Per maggiori informazioni rimando al sito del produttore.

4.3

qualità

reperibilità

funzionalità

convenienza

in breve

  • Azione specifica disintossicante e digestiva

  • Fitocomplesso completo

  • Senza conservanti e coloranti

  • Bottiglia in vetro oscurato

per concludere

Conclusioni

Bilium è un integratore liquido, complesso come formula, attivo sul fegato e migliorativo delle funzioni e dell’attività dell’apparato digerente. Un prodotto ad ampio raggio adatto anche per un uso più frequente che non quello solo da depurativo, adatto anche a soggetti deboli di fegato (MTCT).

0 / 5 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.