Massaggio emolinfatico cos’è e i benefici

massaggio_emolinfatico_benefici

Il Massaggio emolinfatico efficace nel caso di problemi di circolazione, ritenzione e gonfiore addominale

 

Il massaggio emolinfatico è chiamato anche massaggio estetico poiché agisce efficacemente sugli inestetismi dovuti ad un microcircolo veno-linfatico rallentato.

Il massaggio emolinfatico viene utilizzato per stimolare la circolazione sanguigna e la circolazione linfatica. Le manualità sono pensate appunto per favorire il reflusso dei liquidi interstiziali del microcircolo veno-linfatico, e agiscono per lo più allo scopo di prevenire o intervenire sui normali processi di senescenza e sulla formazione degli inestetismi dovuti alla ritenzione idrica. Il ristagno di liquidi interstiziali, conseguenza di un evidente problema circolatorio, porta infatti spesso ad una diminuzione degli scambi cellulari e quindi ad una mancanza di nutrizione e di ossigeno nei tessuti, con conseguente accumulo di tossine, vere responsabili degli inestetismi come:

  • PEFS (cellulite);
  • inestetici cuscinetti della zona trocanterica e della culotte de Cheval;
  • capillari evidente e problemi venosi importanti, come vene varicose e linfedema.

Sintomi di un microcircolo problematico

Gli effetti di una circolazione disfunzionale sono molti tra cui gambe pesanti, dolori agli arti e gonfiore addominale, sintomi che con il passare del tempo possono divenire vere e proprie patologie.

Manualità del Massaggio emolinfatico

Le manualità prevalenti del Massaggio emolinfatico sono sfioramenti, pressioni e pompaggi e sono finalizzate a stimolare la circolazione di ritorno, promuovendone la detossinazione; vengono effettuate con un   decorso da prossimale a distale rispetto al linfonodo di riferimento (dal centro del corpo alla periferia) con spinte e sequenze diverse a seconda del distretto corporeo e dell’inestetismo da trattare. La pressione esercitata è leggera ed il ritmo lento, con movimenti che ricordano le onde del mare.

Il massaggio si compone delle seguenti manualità: impastamento leggero, convogliamento, ma le manovre elettive sono sfioramento e pompaggio.

A chi è consigliato il massaggio emolinfatico

Questa tipologia di massaggio mira a ridurre la ritenzione dei liquidi, a ristabilire l’omeostasi, stimolando la circolazione di ritorno. Se fatto in maniera costante aumenta l’ossigenazione dei tessuti e ristabilisce un corretto reflusso veno-linfatico. E’ indicato:

  • su pelli asfittiche (poco ossigenate);
  • per persone in fase di dimagrimento (per la sua efficacia sulla stimolazione e tonificazione dei tessuti);
  • per la sua delicatezza ed efficacia è particolarmente indicato per chi soffre di fragilità vasale, PEFS (cellulite), edema, gonfiore addominale, colite e stipsi;
  • è consigliato per la donna in gravidanza poiché si compone di manualità lente e di pressioni piuma;
  • si rivela inoltre eccellente nella stasi circolatoria dovuta a traumi (contusioni, distorsioni).

Massaggio emolinfaico controindicazioni e avvertenze

Meglio non eseguirlo nei primi tre mesi di gravidanza, in presenza di tumori e patologie infettive della pelle e dei tessuti.

Indicazioni

Si consiglia di effettuare almeno due sedute a settimana di un’ora ciascuna, meglio ancora se si aggiunge l’olio essenziale di finocchio selvatico all’olio da massaggio.

Successivamente al trattamento il tessuto cutaneo si presenta più luminoso perché ossigenato e detossinato, con evidente miglioramento della problematica venosa e degli inestetismi correlati.

 

3.50 / 5 (2 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.