Impariamo a difenderci in modo naturale da raffreddore e influenza

Raffreddore

Il raffreddore e’ una delle patologie piu’ comuni, consiste in un’infiammazione acuta della mucosa nasale, di origine virale .Vediamo come fare prevenzione e quali rimedi naturali sono piu’ indicati per rafforzare il sistema immunitario.

Come ci ammaliamo e perchè siamo contagiati

Il contagio di questa patologia avviene dal malato, attraverso lo starnuto, perché si emettono goccioline di saliva. Anche la stretta di mano con un soggetto ammalato può essere contagiosa.  Sicuramente si è più facilmente esposti al raffreddore quando si abbassano le difese immunitarie del nostro organismo, o in condizioni di debilitazione organica.  In questo modo i microrganismi responsabili delle infezioni alle vie respiratorie hanno campo libero e possono attaccarci.

Soggetti maggiormente esposti sono i bambini, soprattutto quelli che frequentano l’asilo o la scuola, perché non hanno ancora sviluppato una forte resistenza ai numerosi virus che causano il raffreddore. Infine ci si ammala spesso per colpa del freddo, di una corrente d’aria o per la pioggia, perché l’aria fredda diminuisce le resistenze immunitarie della mucosa delle vie aeree.

Prevenzione convenzionale (medicina allopatica)

Il raffreddore in genere dura dai 4 ai 7 giorni, In caso si presentino lievi complicazioni, queste possono durare per alcuni giorni. Non esiste una prevenzione tramite medicinali vera e propria per questa malattia, perché né il vaccino, né gli antistaminici evitano l’insorgenza del raffreddore. Molti curano il raffreddore con dei farmaci, tra cui gli antistaminici o l’acido acetilsalicilico, i quali, però possono solo alleviare i sintomi più fastidiosi, ma non hanno alcun effetto curativo specifico bensì tante controindicazioni

Prevenzione naturale: nutrizione e fitoterapia

Nutrizione per sconfiggere le sindromi influenzali

Una corretta alimentazione può fare molto per aumentare le nostre difese nei confronti di malattie stagionali come raffreddore e influenza. Possiamo sconfiggere l’infezione in corso e rimetterci in piedi più in fretta quando siamo malati sfruttando l’effetto “terapeutico” di micro e macronutrienti tra i quali spiccano gli antiossidanti che permettono all’organismo di controbattere più efficacemente l’aggressione di virus e batteri, neutralizzando l’eccesso di radicali liberi. Gli alimenti che ne sono più ricchi sono frutta e verdura che dovrebbero essere consumati 5 volte al giorno. Altro potente antiossidante che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole è il licopene, contenuto nei pomodori maturi e reso disponibile all’organismo soprattutto con la cottura.

Una buona regola è fare scorta di alimenti ricchi di:

  • Vitamina C come peperoni, agrumi, kiwi, cavolfiori, ananas e broccoli
  • Vitamina E che si trova nelle mandorle, nell’olio extravergine d’oliva, nelle nocciole e nel germe di grano.
  • Vitamina A o Beta-carotene contenuta in frutta o verdura giallo-arancio come carote, zucca, patate, pomodori, spinaci, barbabietole rosse, broccoli, cime di rapa.
  • Altri alimenti preziosi sono i frutti di bosco, i fichi, le castagne, l’aglio, la salvia, il sedano, e tra i cereali, miglio e germe di grano.
  • Infine andrebbe incrementata l’assunzione degli acidi grassi Omega-3, contenuti soprattutto nel pesce azzurro, che oltre ad avere un effetto benefico sulla salute cardiovascolare, sulle funzioni cerebrali e su quelle visive, sembrano favorire un miglior funzionamento del sistema immunitario.

Rimedi naturali per le malattie stagionali

La pianta che deve invece diventare vostra alleata nella lotta alle malattie infettive delle prime vie respiratorie è l’echinacea, nota per la sua azione immunostimolante. La sua assunzione aiuta a rinforzare le difese immunitarie. Molto utili anche la Rosa Canina e l’acerola, entrambe ricche di Vitamina C, svolgono un’azione antiossidante e potenziano le difese immunitarie. Alcuni studi indicano l’utilità anche dell’Uncaria tomentosa per la sua azione di immunostimolante generica.

Se la prevenzione non è bastata

In ogni modo, se il raffreddore ormai è insorto, è importante nonché auspicabile osservare un giusto riposo fin dalla comparsa dei primi sintomi e lasciare che il raffreddore abbia il suo sfogo. Volendo ci si può aiutare con rimedi naturali come la propoli che è uno dei migliori antibiotici naturali. E’ in grado sia di uccidere i batteri sia di impedirne la moltiplicazione. Inoltre, ha una valida azione sui virus influenzali e quelli del raffreddore. La propoli si assume in estratto glicolico e può essere assunta anche più volte al giorno. Potete inoltre fare un infuso di timo oppure malva, due tazze al giorno (serve liberarsi dal catarro.)
Fate gargarismi con la camomilla o l’alchemilla oppure con un decotto di equiseto, fiori d’arnica e fieno greco aiutano a dare sollievo alla gola irritata.

Non dimenticare l’ importanza della flora intestinale

Se durante la malattia si sono assunti antibiotici, bisogna tener presente che hanno agito anche sulla flora intestinale, la cui integrità è fondamentale per le funzioni digestive, per la sintesi di vitamine e di altre sostanze utili e per impedire lo sviluppo di germi patogeni nel colon. Diventa perciò auspicabile assumere quotidianamente per due o più settimane, alimenti ricchi di fermenti lattici come lo yogurt, e integrare con pre-probiotici.

 

Sebastiano Chiavazzo

photo credit: Week One:Skate via photopin (license)
0 / 5 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.