Prurito intimo: cause e rimedi naturali

prurito intimo

Il Prurito intimo letteralmente significa una sensazione di prurito, e vulva è il nome dato all’ingresso della vagina. Si tratta di un sintomo, non una malattia in sé.
Almeno il 10 % di donne in tutto il mondo soffrono di questo fastidio.

Il prurito vulvare è generalmente alleviato attraverso graffi nelle fasi iniziali. In una fase successiva, il paziente sviluppa un ardente sensazione in questa regione.

Questo può intensificarsi a tal punto  che le donne che soffrono di questo fastidio preferiscono rimanere al chiuso e si rifiutano di uscire.

Questo problema si verifica di più durante la notte. Il paziente può graffiarsi o grattarsi  la zona durante il sonno e svegliarsi e scoprire un conseguente sanguinamento.

Le cause del prurito intimo

Una delle principali cause del prurito vulvare è una purulenta e mucopurulenta perdita vaginale. A causa di questo scarico, la regione della vulva si irrita (1).

  • La tenerezza risultante provoca dolore. L’80 % dei casi si verifica per questa causa.
  • Prurito senza perdite vaginali si verifica nel 15-20 % dei casi.
  • In alcuni casi il prurito vulvare può svilupparsi a causa della presenza di malattie della pelle non correlate alla vulva come psoriasi, dermatite seborroica e la scabbia.

Altre cause comprendono infezioni da parassiti animali e parassiti vegetali (funghi etc…) che tendono a causare prurito pubico piuttosto che  prurito vulvare, e condizioni di tracce urinarie come l’incontinenza urinaria e piuria (materiale purulento o di pus nelle urine).

Urine altamente acide provocano qualche dolore che successivamente porta a prurito.

Glicosuria (presenza di zucchero nelle urine) e diabete pure contribuiscono  a questa condizione.
Il prurito vulvare può derivare da sensibilità della pelle ai vari generi di saponi, sali da bagno, deodoranti e antisettici che possono contenere particolari fenoli e oresol e da alcuni farmaci.

Tali allergie possono essere causate anche da calze di nylon e vestiti aderenti.
In rari casi i disturbi possono svilupparsi in alcuni problemi importanti come l’ittero (colorazione giallastra della pelle), uremia (insufficienza renale), e altre condizioni tossiche.

Molti disturbi mentali possono influenzare la polarizzazione sessuale (identità sessuale) con risultanti psiconevrosi.

La pelle della regione vulvare può anche essere un sito di psiconevrosi, affaticamento nervoso e coagulazioni “ruvide”.

Frustrazione sessuale e sentimenti di sensi di colpa  possono anche portare a prurito vulvare.

Trattamento e rimedi naturali

C’è sempre qualche causa sottostante per l’insorgenza del prurito intimo, ma graffiare o grattarsi danneggia la pelle.

Inoltre, la pelle può diventare sensibile ad alcune applicazioni locali. In casi di lunga data, sia della causa iniziale, sia la ragione, sia la persistente irritazione potrebbe diventare estremamente difficile effettuare una diagnosi, in particolare quando più di un fattore è coinvolto.

Il Successo del trattamento dipende da due principi cardini:

  • Eliminare ogni causa di fondo
  • Fermare ulteriori danni alla pelle dovuto a graffi o da applicazioni inadatte.

Il fattore più importante nel trattamento del prurito intimo causato da infezioni attraverso funghi o parassiti, è la pulizia.

Le viscere devono essere tenute pulite attraverso clisteri o una dieta naturale. Il paziente deve indossare abiti puliti per evitare questo problema.

Dopo la minzione (atto di urinare), la vagina dovrebbe essere accuratamente lavata con normale acqua fredda.

ln caso di grave prurito, è consigliabile lavare la vulva con il decotto di foglie di Neem (margosa) e applicare olio di cocco verde.

Trattamenti con il decotto di foglie di neem, cioè con irrigazioni vaginali, aiuta ad uccidere i batteri e i funghi.

Fangoterapia:

Prurito vulvare derivante dagli scarichi dall’utero, della cervice o della vagina provoca infiammazioni.
Questo può essere ridotto o minimizzato con applicazioni regolari di impacchi di fango sul basso addome, 2-3 volte al giorno.

Idroterapia:

Un bagno freddo dall’anca in giù può essere effettuato per 10 minuti.

Alternando bagno caldo e freddo dall’anca in giù è particolarmente utile nel ridurre l’infiammazione.

ln casi di prurito intimo derivanti da diabete mellito, glicosuria, uremia, ittero e altri stati tossici, specifiche diete e trattamenti per questi disturbi devono essere eseguiti prima di curare il prurito.

Malattie della pelle come: psoriasi, scabbia, infezioni fungine devono essere trattate attraverso vari metodi di cura naturale.

Questi includono:

  • bagni di vapore
  • fanghi
  • bagni di sole
  • bagni alla colonna vertebrale 
  • cromoterapia
  • bagni ad immersione

Alimentazione e Dieta

La Dieta gioca un ruolo importante nel trattamento del prurito intimo. Inizialmente il paziente deve essere assumere un succo veloce per pochi giorni.
Lei dovrebbe bere succhi di frutta e di verdura, diluiti con acqua su 50:50 base.

Un clistere di acqua calda dovrebbe essere usato quotidianamente durante il periodo di digiuno per pulire le viscere.

Il digiuno aiuta ad alleviare le condizioni tossiche non solo nelle regioni colpite ma anche in tutto il corpo. Così l’infiammazione viene ridotta.

La dieta, dopo il digiuno a base di succo, dovrebbe includere frutta di stagione, insalate, germogli, verdure zuppe o latticello.

Cibo cotto dovrebbe essere incluso nella dieta solo molto più tardi e alcol e fumo devono essere completamente eliminati.

Il paziente deve evitare tutti gli alimenti elaborati, raffinati e cibi denaturati come lo zucchero bianco, farina bianca e tutti i prodotti a base di essi, così come il caffè, tè, uova, carne, cibi piccanti e oleosi.

Un naturale modo di vivere aiuterà a superare il prurito vulvare. E porterà anche a un miglioramento nella salute in generale.

Perché?

Quando il prurito intimo si manifesta in fase acuta, se non trattato tempestivamente potrebbe cronicizzarsi e dar luogo ad altri collaterali.

Vaginite: sintomi e rimedi

Un problema non dissimile da quello citato in precedenza è la Vaginite: questa condizione può essere descritta come una infiammazione della vagina e della vulva.

La varietà di questo disturbo è dovuta anche alla periodicità del ciclo mestruale e alle condizioni psicologiche.

Donne sane, non soffrono di sensazioni di prurito, bruciore, dolore o irritazione.

Nelle donne malsane e in condizioni anomale, invece, i residenti nell’organismo (i batteri) si moltiplicano rapidamente e producono prodotti di scarto eccessivo.

Questo provoca irritazione dei tessuti in questa regione, con conseguente prurito, gonfiore e bruciore.

In caso di prurito intimo c’è un aumento della frequenza o scarico di urina, che è accompagnata da un odore sgradevole.

Sintomi

I sintomi di vaginite sono la sensazione di calore e di pienezza nella vagina, una sensazione di trascinamento all’inguine, aumento della frequenza urinaria e perdite vaginali, cioè, leucorrea.

La chiara o secrezione purulenta diventa bianca e gialla. La gravità della leucorrea dipende dal grado di infezione batterica.

Trattamento

  • Il Mantenimento delle condizioni igieniche è il più importante fattore nel trattamento della vaginite.
    È solo dopo aver fatto questo che la morbilità e la conseguente infiammazione e scarico possono essere prevenuti.
  • Un altro fattore importante è la dieta. Il paziente deve essere fatto digiunare per 3-5 giorni.
    A seconda delle condizioni, il periodo di digiuno può essere prorogato. Durante questo periodo, lei può prendere succhi di limone e altri frutti sub-acidi.
    Questo darà al sistema un’opportunità per deviare l’energia vitale e controllare l’infiammazione e infezione.
  • Dopo il digiuno a base di succo, il paziente può adottare una dieta ristretta, composta da insalate e verdure crude, frutta e germogli.
    Questo garantirà minime secrezioni mucose. Questa dieta ristretta dovrebbe essere continuato per 10-15 giorni, che contribuirà a ridurre le condizioni infiammatorie.
    Verdure bollite, che sono facilmente digeribili, e chappatis  di grano possono essere aggiunti gradualmente a questa dieta.
  • Più tardi, riso, zuppa di verdure o di latticello possono essere presi per il pranzo e una dieta cruda per la cena.
    Il paziente deve evitare caffè, tè, e altri stimolanti così come lo zucchero, fritti e cibi raffinati.

Idroterapia

Trattamento attraverso l’acqua svolge un ruolo importante per superare la vaginite.
Il paziente deve fare un clistere con acqua tiepida per pulire le viscere e prevenire

la stipsi che aumenta la condizione tossica, e infiammazione e infezione negli organi genitali.

Per generale pulizia e l’eliminazione di perdite vaginali purulenti, eseguire docce vaginali a 35°C-40°C, seguite da doccia fredda, sarà di grande beneficio.

In casi persistenti, l’irritazione vaginale può avere sollievo col freddo. Questo trattamento è più efficace se somministrato con una siringa a fontana, contenente acqua.

La siringa deve essere collocata due o tre piedi sopra il paziente e l’acqua iniettata nella vagina.

Il paziente dovrebbe trovarsi sulla sua schiena, con i fianchi elevati e l’acqua deve defluire fuori dal canale vaginale.

  1. Un decotto di erba chebula (mirabolano chebulic) è risultata molto utile per l’irritazione e infiammazione vaginale.
    Essa dovrebbe essere utilizzata come doccia esterna per lavare le parti vulvare.
    Quando vi è uno scarico bianco di spessore, lavare la parte con un decotto a base di foglie e frutti di chebula sarà di grande aiuto.
  2. Un bagno freddo fino al girovita moderatamente prolungato e  accompagnato da un pediluvio caldo è anche utile.
    Il livello di acqua fredda deve essere di 34 centimetri in altezza.
    Il paziente dovrebbe sedersi nella vasca in tale modo che le gambe rimangono fuori dalla vasca.
    Questo bagno può essere fatto per 20-30 minuti.
  3. Un’altra modalità di trattamento  considerato benefico è l’impacco bagnato-cintura per circa un’ora.
    Per questo trattamento, un cotone sottile come biancheria intima sopravveste da biancheria intima spessa o di lana sono richiesti.
    La  sottile biancheria intima deve essere immersa in acqua fredda, strizzata e poi indossata dal paziente.
    Poi biancheria intima asciutta di spessore dovrebbe essere indossata sopra la biancheria intima bagnata.
    Se il paziente sente freddo, deve essere coperto con una coperta. Questo trattamento consente di ridurre l’infiammazione.
  4. Una doccia fredda sulla regione perineale per 10-15 minuti, due volte al giorno aiuta a ridurre vaginite.
  5. Un pacchetto di fango sull’addome per 10 minuti due volte al giorno aiuta anche a ridurre l’infiammazione.
  6. Cromoterapia può anche essere usata per il trattamento di questa denuncia. Trattamento di luce blu prodotta, alla regione afflitta, per un’ora.
    Accompagnato con irrigazione vaginale con  acqua caricata di colore verde aiuta a ridurre l’infezione.
    Dopo il recupero, è essenziale adottare corrette abitudini alimentarie condizioni di vita igieniche adeguate.
    Giusto riposo ed esercizio fisico pure sono importanti.

 

5 / 5 (1 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.