I sei stadi della malattia nella medicina Ayurvedica 5

mandala

Gli antichi testi ayurvedici, affermano che la malattia nel corpo umano ha origine da sei fasi ben distinte. Tutti gli stadi sono manifestati da una perdita di equilibrio.

 

Tutti gli stadi sono manifestati da una perdita di equilibrio: Tutti gli stadi sono manifestati da una perdita di Equilibrio Accumulazione (il processo inizia con l’ eccessivo incremento di uno o più dosha)

  • Aggravamento (l’ eccesso ha raggiunto tal punto che il dosha fuori esce dalla sua sede originale)
  • Diffusione (il dosha si muove nel corpo)
  • Localizzazione (il dosha trova dimora in una zona del corpo a cui effettivamente non appartiene)
  • Manifestazione (i sintomi fisici si manifestano nella zona dove il dosha si è spostato)
  • Disgregazione (la malattia si manifesta con tutta la sua virulenza)

Come mantenere l’ equilibrio dei dosha

L’ ayurveda afferma che per mantenere i dosha in equilibrio è necessario intervenire su quattro settori dieta, attività fisica, attività giornaliera, attività stagionale.
Per ogni dosha devono quindi essere rispettate alcune norme abitudinali.

Vata è il dosha che governa gli altri, quindi è fondamentale mantenerne l’ equilibrio per non mandare in disequilibrio pitta e kapha. Ecco le corrette azioni da intraprendere per il suo equilibrio:

  • abitudini regolari
  • attenzione ai fluidi
  • tranquillità
  • diminuzione delle condizioni di stress
  • riposo abbondante
  • calore
  • costante apporto di sostanze nutritive
  • massaggio con olio pacificante vata

Pitta è uno dei dosha moderatamente resistente, ma è fondamentale non eccedere nelle attività  per mantenerne l’ equilibrio. Ecco le corrette azioni per mantenerne l’ equilibrio :

  • Moderazione
  • Freddo
  • Avere del tempo libero
  • Godersi i paesaggi della natura
  • Riposo e attività non eccessive
  • Riduzione di attività stimolanti
  • massaggio con olio pacificante pitta

Kapha è il dosha più lento e posato, ma molto forte e resistente ma se non stimolato costantemente rischia di diventare molto pigro e apatico.  Ecco le azioni da intraprendere per il suo equilibrio:

  • Stimoli
  • Costante esercizio fisico
  • Calore, secchezza
  • Controllo del peso
  • Evitare la routine
  • Riduzione di dolci
  • Massaggio con olio pacificante kapha

I sei Rasa della medicana Ayurvedica

Secondo l’ ayurveda, l’ alimentazione è differente da quella occidentale e non si basa sul concetto di carboidrati, vitamine, proteine, grassi, minerali, acqua ma bensì sui sei rasa (gusti) che direttamente parlano al corpo quantico. In natura i sei gusti sono dolce, salato, acido, amaro, piccante, astringente. Per l’ ayurveda un pasto completo deve comprendere tutti e sei i rasa. Sarà opportuno rispettare l’ assunzione di alcuni rasa in base al proprio tipo corporeo, come ad esempio una tipologia pitta dovrà limitare il consumo di cibo piccante in quanto incrementerebbe troppo la temperatura corporea già elevata in questi soggetti.

Trigunas (chiamati anche stati o dosha mentali)

Anche la mente, possiede tre dosha che sono i responsabili degli stati mentali. Ogni stato mentale ha influenza sul corpo, ma solo sattva ha effetto positivo sulla fisiologia e conduce alla guarigione:

  1. Sattva (Questo stato mentale consiste nell’ assoluta purezza e conduce al progresso, ovvero ad esso interessa solamente l’ azione al fine della creatività, della salute  e della funzioni che affermano la vita. Sattva manifesta le sue qualità più elevate: coraggio, intelligenza, gioia, compassione, memoria ed amore per la conoscenza ).
  2. Rajas (Le persone che sono dominate da questo stato mentale hanno la mente sempre in attività, tendono ad essere impulsivi, impazienti e dinamici. Rajas causa collera, rabbia, orgoglio, gelosia, invidia, dispiacere, ansia, paura, eccitazione, avidità ed attaccamento).
  3. Tamas ( Chi è dominato da questo stato mentale è portato alla staticità, predilige la routine e le situazioni prevedibili. Tamas causa stupidità, depressione, inerzia, ignoranza e pigrizia).

 

Autore: Maurizio Padrin

5 / 5 (1 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.