Delfinoterapia: terapia assistita con delfini per bambini autistici

delfinoterapia-bambini-autistici

La delfinoterapia e le applicazioni di questa terapia fatta con i delfini per molte patologie, incluso l’autismo, in cui trovano benefici soprattutto i bambini. Ma cos’è esattamente la delfinoterapia e dove si pratica? Quali sono i comportamenti e le reazioni dei delfini in tutto questo?

Delfinoterapia: I bambini che soffrono d’autismo trovano aiuto nella terapia con i delfini

Chi sono i delfini, come vivono e perchè sono definiti intelligenti e sociali.

Il delfino è un mammifero acquatico fra i più amati. Nell’immaginario collettivo, grazie ad una vasta letteratura soprattutto cinematografica, viene  “umanizzato”. Personalmente ho potuto ammirarli da vicino, seguendo spettacoli che li vedevano protagonisti,  insieme a delle orche, dove facevano mostra della loro intelligenza unita alle doti acrobatiche. Credo che non parteciperò più ad uno spettacolo simile, pur sapendo che è l’unico modo per vederli da vicino, perchè ho maturato con gli anni  l’idea  che l’amore per gli animali significa rispettarli nel loro ambiente e che, molto spesso, tutto viene trasformato in una grande industria che vede come unico scopo il profitto. In quest’ottica e con questa prospettiva vengono perpetrate nefandezze vergognose a cui sottraggo volentieri il contributo del mio biglietto d’ ingresso.
Dopo questa premessa che, per onestà intellettuale ci tenevo a riferire, entriamo nel merito e vediamo un po’, da un punto di vista anatomico e strutturale, le principali caratteristiche fisiche.

Cenni anatomici e alimentazione dei delfini

Il delfino è un cetaceo, la cui vita media si aggira intorno ai 20/30 anni. Presenta una lunghezza variabile fra i 200 e i 250 cm e un peso che va dai 70 ai 120 kg. E’ un abile nuotatore che raggiunge, grazie al suo corpo estremamente IDRODINAMICO, la velocità di 45 Km/h ed è anche abilissimo a “cavalcare le onde”  senza sforzo muscolare, sfruttando i flussi del vento o delle prue delle navi. La coda dei  delfini, rappresenta una caratteristica peculiare dei cetacei in quanto, a differenza degli altri pesci, si sviluppa in orizzontale. E’ un animale a sangue caldo che mantiene il calore grazie alle dimensioni maggiori, rispetto a quelli a sangue freddo, e allo spesso strato di grasso sottocutaneo.
La loro alimentazione comprende: pesci (aringhe…), calamari e crostacei a seconda della disponibilità. Il cibo viene inghiottito intero perchè i denti servono solo ad afferrarlo. I delfini organizzano vere e proprie battute di caccia in gruppo, e utilizzano  il sonar per localizzare le prede, probabilmente anche per stordirle.

L’organizzazione è quella di una comunità

I delfini vivono in branchi, un’unità sociale coesa, anche per lunghi periodi e alcuni branchi si aggregano temporaneamente.
All’interno dei gruppi viene stabilita una rigorosa gerarchia sociale. I gruppi familiari hanno generalmente come leader la femmina più anziana ma, durante la riproduzione, il maschio dominante prende il sopravvento (con una serie di comportamenti intimidatori tipo morsi e battiti di coda sull’acqua).
Il sistema sociale dei delfini è basato però anche sull’aiuto reciproco: è una questione di sopravvivenza. Poco prima della nascita, ad esempio, i delfini si riuniscono attorno alla futura madre per proteggerla dai predatori (orche e squali) oppure, se un membro è in difficoltà e incapace di nuotare, i compagni lo sorreggono portandolo in superficie a respirare. I comportamenti atti a rinsaldare sempre di più l’unità del branco sono preponderanti all’interno della giornata.

Intelligenza: uomo e delfino a confronto

Anche se intelligenza  è un termine che può significare molte cose, è opinione comune che i delfini siano intelligenti. E’ veramente così?
Alcuni studi hanno messo in relazione l’intelligenza con alcune caratteristiche del cervello.
Il cervello umano e quello dei cetacei, sono comparabili in quanto a dimensioni.
Lo sviluppo della corteccia  (in stretta relazione con l’intelligenza perchè sede della creatività e del ragionamento) è molto importante nei delfini, e le sue funzioni di comando nel cervello superano quelle dell’uomo. Questo spiega le capacità eccezionali degli organi sensoriali.
Se consideriamo il peso (del cervello), in media, quello del delfino è maggiore.
Un altro fattore, correlato all’intelligenza è il coefficiente di  encefalizzazione, pari a 7,4 per l’uomo e 5,6 per il delfino.
Altre similitudini, si riscontrano analizzando le sezioni del cervello, dove è stata evidenziata una densità cellulare paragonabile a quella umana.

In sostanza, più o meno la stragrande maggioranza, è convinta della superiorità intellettiva del delfino nei confronti di molte specie animali, ma “addirittura paragonarlo all’uomo ?!?!?”
Beh, sentite un po’…..
L’intelligenza di cui sono dotati, li avvicina all’uomo, più di altre specie animali, infatti gli studi hanno dimostrato che è pari, se non superiore, a quella delle scimmie antropomorfe che tanto somigliano ai nostri antenati.
Da altri studi effettuati sui delfini in cattività, è emerso che sono in grado di imparare esercizi fisici complessi e soprattutto di rispondere a suoni diversi fatti dall’uomo, modificando il loro comportamento al variare delle istruzioni ricevute.
Sorpresa: si hanno prove della trasmissione delle informazioni da un individuo all’altro e si ritiene che siano dotati di memoria e capaci di imparare un linguaggio.

La delfinoterapia o terapia assistita con i delfini

La DAT o terapia assistita con i delfini, è una terapia che prevede una stretta interazione con i delfini, nuotando con loro, in cattività o nel loro ambiente naturale.
E’ una terapia proposta come trattamento e palliativo di malattie e invalidità. Terapia molto giovane negli USA, i pionieri, la praticano dagli anni 70, in Italia viene praticata nel delfinario di Rimini dal 1993.
La capacità dei delfini di interpretare dati nuovi e di agire di conseguenza, può spiegare l’impressione che essi capiscano l’umore delle persone con cui entrano in rapporto. Chi si è immerso con loro, infatti, li descrive timidi con chi ha timore (non si avvicinano mai troppo a chi mostra paura), giocosi con chi è più attivo e tranquilli con chi è rilassato.
Il “gioco” con il delfino e il contatto fisico, apportano un livello diverso di comunicazione anche alle persone più chiuse in se stesse. Per questo motivo, vengono impiegati per gettare un ponte comunicativo, con le persone affette da autismo. E’ stato rilevato che si riesce, in qualche modo, a spezzare la gabbia dell’isolamento e dei comportamenti ripetitivi (i delfini inventano giochi e trucchi sempre nuovi) tipici degli autistici. E’ stato rilevato che l’autismo e la depressione  meglio si prestano a questa terapia. Ma i problemi di isolamento non sono le uniche patologie curabili con l’aiuto dei delfini. I ricercatori del Dolphin Plus Centre in Florida, hanno sottoposto con successo alla delfinoterapia anche i malati terminali, i paraplegici e le persone che hanno patito gravi amputazioni nonché ragazzi ciechi e sordociechi.

Il Delfinario di Rimini e i programmi per i bambini autistici

Nel delfinario di Rimini, i programmi per bambini autistici, prevedono incontri preselettivi e colloqui degli psicologi con le famiglie, oltre a sessioni riabilitative con i ragazzi. Sono previsti anche incontri per adulti. Qui potrete trovare disponibile il loro sito.

La società per delfini e balene dell’ America del Nord

Per dovere di cronaca, riporto alcune conclusioni della relazione della WDCS (Whale and Dolphin Conservation Society – North America) che ha chiesto il divieto della terapia assistita con i delfini perchè, oltre a non avere adeguati riscontri scientifici, preleva i delfini nel loro ambiente naturale e, dato il crescente numero di impianti dove si effettua il DAT, ha serie implicazioni nella conservazione e nel benessere di questi animali. Ultimo, la DAT è molto costosa mentre altre terapie disponibili sono più economiche e più facili da ottenere.
A voi le conclusioni finali!

Autore: Naturopata Angela Ballarati

 

4 / 5 (1 votes)

Un pensiero su “Delfinoterapia: terapia assistita con delfini per bambini autistici”

  1. semplicemente fantastico sono un papà di una bimba fantastica che purtroppo a subito un incidente in macchina e vorrei delle informazioni sulla terapia con i delfini ma non so chi interpellare . siamo stati a Riccione abbimo visto i delfini ,ripeto fantastico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.