Colina: non vitamina essenziale per il sistema immunitario e le arterie

colina pastiglie

La colina è sintetizzabile a partire da altre vitamine e aminoacidi . Per questo motivo non è riconosciuta come vitamina.

La colina è  componente essenziale dell’acetilcolina, neurotrasmettitore che consente il passaggio dell’impulso nervoso da un nervo all’altro. Contribuisce alla formazione dei fosfolipidi ed utile per il metabolismo dei grassi, al fegato, alla propagazione degli impulsi nervosi e abbassa il colesterolo nel sangue. 

La colina e il latte materno

È presente nel latte umano ma non in quello vaccino; da qui l’importanza dell’ allattamento  al seno in quanto la colina insieme all’acido folico, B12 e la metionina, è una delle sostanze chiave per lo sviluppo del sistema immunitario.

Utilizzo della colina in terapia

  1. La colina è indispensabile al corretto metabolismo dei grassi;
  2. La colina può abbassare il tasso del colesterolo e la pressione alta
  3. Danni al fegato: la colina impedisce l’accumulo di goccioline di grasso nel fegato
  4. Migliora la trasmissione degli impulsi nervosi essendo un componente dell’ acetilcolina Secondo alcuni studiosi la colina è utile per prevenire l’ Alzheimer
  5. La presenza di colina impedisce l’accumulo di grassi ed evita che le arterie vengano intasate.
  6. Utile in prevenzione per l’ aterosclerosi e disturbi circolatori.

La colina è distrutta e antagonizzata da  alcol, pillola, caffè, tabacco.

 
Dosaggi della colina

L’  RDA non è stabilita. La dose giornaliera è di 100-900 mg in terapia fino a 6 g.

Fonti alimentari principali della colina.

  • Lecitina di soia,
  • tuorlo dell’uovo,
  • germe di grano,
  • lievito di birra

Alessandro Di Coste

Fondatore del portale Naturopataonline. Naturopata, Posturologo, Consulente nutrizionale.

0 / 5 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.