Ricetta per pane naturale di farina di Amaranto

pane-integrale-amaranto

Nella ricetta di oggi tratteremo un argomento molto richiesto: come preparare con assoluta facilità del pane con farina d’amaranto in casa, una pietanza completamente adatta a chi soffre di celiachia perchè completamente senza glutine, senza inoltre contare gli enormi vantaggi a preferire l’amaranto ad altre farine come quella di frumento, senza additivi e sofisticanti alimentari che da anni sonno presenti nel mercato.

L’amaranto, un cibo nutriente adatto per tutte l’età

L’amaranto è un cibo nutriente e utilizzato per migliaia di anni in passato.Se ne cibarono i Maya gli Olmechi i Toltechi gli Aztechi, potremmo dire un cibo per tutte le civiltà e tutte le età, sicuramente adatto per lo svezzamento del poppante e per i nonni, indicatissimo per i celiaci in quanto privo di glutine. Dell’Amaranto si possono utilizzare anche le foglie ricchissime di ferro e Vit C, ma purtroppo da noi introvabili e non facilmente reperibili tramite metodi convenzionali.

Gli Impieghi dell’Amaranto in Gastronomia:

La farina di Amaranto e i semi possono essere utilizzati per minestre con verdure, biscotti, pane, polpettine, focaccie ecc…

Ricetta per pane di farina d’Amaranto

Ingredienti:

  • 650 grammi farina
  • 2 bustine di lievito di birra,
  • 20 grammi di sale fine
  • acqua intiepidita a circa 45 °C quanto basta per ottenere un impasto non troppo fluido.

Procedimento :

In una terrina di plastica di grandezza adeguata iniziano a mescolare gli ingredienti, procedendo ad aggiungere acqua fino ad ottenere un impasto non troppo fluido ne troppo denso,mescolare bene per alcuni minuti e trasferire il tutto nella casseruola, mettere a lievitare in forno preriscaldato a 40-45°C fino a che l’impasto cresce al bordo della casseruola, (30 min circa) spolverare con semi di sesamo e papavero quindi cuocere a 180°C per un’ora; a cottura ultimata togliere il pane dalla casseruola e rimetterlo nel forno per circa 30 minuti sempre a 120 °C; estrarre dal forno e lasciare raffreddare. Servite e buon appetito!.


Autore: Dr. Walter Bottai

 

3.20 / 5 (10 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.