Glutatione proprietà e benefici

Glutatione_proprietà_benefici_disintossicante_epatico_antiossidante

Glutatione: a cosa serve e quando assumerlo. Le proprietà e i benefici del glutatione

E’ sicuramente il più importante antiossidante a livello cellulare. E’ presente in natura in tutti gli organismi siano essi mono o pluricellulari. Nell’uomo rappresenta il primo e più potente sistema molecolare antiossidante. Il limite per la biodisponibilità del glutatione nell’uomo è legato al fatto che i sistemi enzimatici dell’apparato digerente, sangue, barriera epatica lo distruggono rapidamente anche se si trova in tutti gli alimenti unito ad altre sostanze antiossidanti.

Cos’è il glutatione e le sue indicazioni

Chimicamente è una molecola complessa che nasce dall’unione di tre molecole più piccole e precisamente da tre aminoacidi, che costituiscono i mattoni di cui sono fatte tutte le proteine e che sono : la glicina, la cisteina e l’acido glutammico, tecnicamente si definisce un tri-peptide, mentre una proteina qualsiasi costituita da una sequenza più o meno lunga si può chiamare poli-peptide.

A cosa serve il glutatione e quando assumerlo

Qui occorre introdurre il concetto di stress ossidativo. Esistono molecole come l’ossigeno e i radicali liberi che hanno una forte tendenza a reagire chimicamente, questa reattività per i sistemi biologici è pericolosa. Per esempio gli oggetti di ferro se lasciati all’aria o all’acqua si ossidano rapidamente proprio come i sistemi biologici se esposti ad ossigeno e radicali liberi, il risultato è la distruzione degli stessi. Il glutatione si occupa di neutralizzare tali intrusi onde evitare i danni che ne derivano. Poichè nella chimica biologica ( dei sistemi viventi ) si formano e si introducono attraverso gli alimenti molti radicali liberi o sostanze che poi li generano, possiamo immaginare l’importanza dei sistemi antiossidanti, essi si oppongono al degrado cellulare e in definitiva all’invecchiamento.

Glutatione biodisponibile? In quali alimenti si trova il glutatione

Qui potrete trovare ulteriori informazioni sugli alimenti in cui si trova il glutatione
Poiché il glutatione è presente ubiquitariamente in natura e negli alimenti non dovrebbero esserci problemi, da parte dell’organismo umano, di carenza alimentare; in realtà non è così, il glutatione introdotto con gli alimenti viene praticamente digerito e ridotto ai suoi componenti, e ciò non permette quindi di mantenere un buon livello di concentrazione sanguigna, quindi si ha una scarsa biodisponibilità. Anche gli integratori a base di glutatione subiscono gli stessi processi distruttivi e quindi sono scarsamente utili in linea generale in quanto esiste la barriera gastrica, quella ematica e quella epatica e quel poco di glutatione che riesce a passare nel circolo sanguigno decade rapidamente. Quindi il glutatione presente nell’organismo è praticamente quello di origine endogena cioè quello fabbricato all’interno delle cellule a partire dai tre aminoacidi che lo compongono e cioè glicina, cisteina e acido glutammico. Sfortunatamente la presenza di cisteina negli alimenti non è molto diffusa ed è anche abbastanza instabile, ecco perché è molto importante l’aminoacido cistina costituito da 2 molecole di cisteina e molto più stabile chimicamente parlando. Di conseguenza la presenza di cistina negli alimenti è importantissima perché è da essa che viene sintetizzato il glutatione endogeno. Quindi può essere importante un’integrazione di cistia piuttosto che di glutatione, fatti salvo alcuni prodotti presenti sul mercato che prevedono l’assunzione perlinguale.

Glutaredox_named

Disintossicazione citocromo p450 e glutatione

Il glutatione è uno dei più importanti agenti detossinanti. Il citocromo P 450 è sede della degradazione dei farmaci e di altre sostanze tossiche e la sua attività dipende in larga parte dalla presenza di glutatione. Inoltre antiossidanti quali vit E e vit C vengono rigenerati nelle cellule se vi è presenza di glutatione.

Conclusioni sul glutatione: disintossicante epatico

Possiamo affermare che il glutatione è il più importante agente antiossidante dell’organismo; esso si oppone allo stress ossidativo ed è quindai da considerarsi la più importante molecola antinvecchiamento. La presenza di glutatione è fondamentale per l’attività del citocromo P 450 da cui dipende la degradazione dei farmaci, quindi chi è costretto a terapie farmacologiche costanti farebbe bene a calibrare la sua alimentazione utilizzando alimenti che contengano quantità importanti di cistina, vitamina C e vitamina E e anche una supplementazione di prodotti che contengano un mix antiossidante.

 

 

 

4 / 5 (7 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.