Che succede ora a Fukushima ?

mappa cartina fukushima giappone

L’acqua che fuoriesce dal reattore 1 al complesso nucleare di Fukushima ha lasciato completamente esposte le barre di combustibile, probabilmente innescando un parziale meltdown, due mesi fa.

Poiché un terremoto di Magnitudo 9 e uno tsunami hanno colpito il Giappone l’11 marzo, danneggiando il complesso nucleare, ci sono state speculazioni sul fatto che si è verificato successivamente un parziale meltdown. Le prove scientifiche che suggeriscono il meltdown si è verificato sono state lanciate contro altre ugualmente plausibili prove che suggeriscono che ciò non sia avvenuto.
La scorsa settimana, i lavoratori sono entrati nel reattore per la prima volta dallo tsunami, fornendo un’opportunità per risolvere il dibattito.
L’ingresso ha consentito loro di fissare degli indicatori che misurano il livello dell’acqua all’interno del reattore. Prima della correzione, questi indicatori avevano suggerito che il livello dell’acqua era rimasto praticamente invariato, circa 1,6 metri sotto la cima delle barre di combustibile, dall’inizio della crisi.

La TEPCO, al Daily Yomiuri, ha affermato:

Dopo aver regolato gli indicatori, i lavoratori hanno trovato che l’effettivo livello dell’acqua [all’interno del reattore] era più di 5 metri sotto la cima delle barre di combustibile. Poiché le barre di combustibile hanno circa 4 metri di lunghezza, essi sono considerati sono stati completamente esposti all’acqua di raffreddamento.

Secondo il New York Times, si ritiene che le barre di combustibile esposte si sono fuse e sono cadute sul fondo della vasca del reattore in piccoli pezzi.

C’era il timore che nelle aste fuse dovesse riprendere una reazione nucleare a catena che producesse calore sufficiente per penetrare l’involucro di contenimento, alla fine riuscendo a completare la fusione.
La Nuclear and Industrial Safety Agency giapponese ha dichiarato al Daily Yomiuri che una tale catastrofe non poteva accadere perché le 190 tonnellate di acqua di mare che sono state gettate sul reattore ogni giorno hanno raffreddato il carburante accasciato abbastanza da evitare una reazione.
Il peggio, però, potrebbe non essere finito. L’esperto nucleare Nobuyuki Mizuno ha dichiarato a Radio

Australia:

Un meltdown del combustibile rende il raffreddamento molto difficile.
Secondo Mizuno, la massa di combustibile e acqua potrebbero essere ancora molto caldi, il che
rende più difficile mantenere stabile il reattore.
C’è anche il problema di trovare e bloccare la perdita. La TEPCO ritiene che la maggior parte dell’acqua iniettata nel reattore è attualmente uscita dal recipiente a pressione, riporta il Daily Yomiuri.

0 / 5 (0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.