Curcuma: 13 proprietà e benefici

Curcuma

Cos’è la curcuma

La curcuma (Curcuma longa), la spezia principale del curry indiano, è considerata da molti come la spezia più potente del pianeta nella lotta alle malattie.

I benefici della curcuma sono incredibilmente vasti e molto accuratamente studiati; attualmente ci sono oltre 10.000 articoli pubblicati che dimostrano i suoi benefici, in particolare uno dei suoi principali componenti la curcumina.

Questo mette la curcuma in cima alla lista delle erbe medicinali più frequentemente menzionate da tutta la scienza. Le altre erbe più popolari sono: l’aglio, il ginseng, la cannella, il cardo mariano e lo zenzero.

La curcuma deriva dalla pianta di Curcuma longa, che cresce in India ed altri paesi del sud-est asiatico.

La radice essiccata della pianta di Curcuma longa viene macinata nella caratteristica polvere di curcuma gialla. Ci sono diversi composti chimici trovati nella curcuma, noti come curcuminoidi. Il principio attivo della curcuma è la curcumina.

La curcumina è ciò che rende la curcuma un “alimento funzionale”, definito così dalla Mayo Clinic come “alimenti che hanno un effetto potenzialmente positivo sulla salute oltre alla alimentazione di base”.

La curcuma non solo è ben studiata, incredibilmente potente e storicamente importante, ma è anche sicura. Ha pochi effetti collaterali noti e quelli che esistono sono incredibilmente molto rari e generalmente lievi.

13 benefici della curcuma

La curcuma non solo è ben studiata, incredibilmente potente e storicamente importante, ma è anche sicura. Ha pochi effetti collaterali noti e quelli che esistono sono incredibilmente molto rari e generalmente lievi.

1. Combatte l’infiammazione

Probabilmente l’aspetto più potente della curcumina è la sua capacità di controllare l’infiammazione.

La rivista Oncogene ha pubblicato i risultati di uno studio che ha valutato diversi composti anti-infiammatori ed ha scoperto che l’aspirina e l’ibuprofene, due dei più comuni FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) sono meno efficaci, mentre la curcumina è tra gli antinfiammatori più efficaci al mondo (1).

Questa notizia avrebbe dovuto raggiungere tutte le famiglie del mondo, perché l’infiammazione è alla base della maggior parte delle malattie.

Le malattie sempre più comuni oggi – come la colite ulcerosa, il cancro, il colesterolo alto, l’artrite e il dolore cronico – sono tutte associate all’infiammazione.

Gli effetti antinfiammatori della curcumina sono stati anche studiati come possibile trattamento per il Morbo di Alzheimer. Ma secondo l’Alzheimer’s Society, la prova degli effetti della curcuma sui pazienti malati di Alzheimer non è conclusiva; non è sicuro che la curcuma possa prevenire o curare la malattia (2).

Diversi studi su animali sono stati condotti studiando la relazione tra curcumina e morbo di Alzheimer. Nei ratti, sembra che la curcumina “inverta la patologia amiloide esistente e la neuro tossicità associata”, una caratteristica chiave della progressione di questa malattia neurologica correlata all’infiammazione cronica.

Sono stati condotti alcuni studi sull’uomo. Uno studio di sei mesi ad Hong Kong ha rilevato che la curcumina era molto tollerabile, ma sia il gruppo placebo che quello della curcumina non hanno subito alcuna perdita statisticamente significativa delle funzioni cognitive, quindi i due gruppi non sono stati confrontati.

Oggi, i ricercatori stanno ancora cercando una formulazione di curcumina che sia effettivamente biodisponibile (il che significa che il corpo umano assorbe e metabolizza) e ciò attraverso la barriera emato-encefalica.

Anche se potrebbe passare del tempo prima che le sperimentazioni umane definiscono le specifiche, queste scoperte sono ancora incredibilmente promettenti per la curcuma per migliorare la salute cognitiva e l’infiammazione generale.

2. Può rallentare o prevenire la formazione di trombi

Per molte persone, la formazione di coaguli di sangue è una preoccupazione importante. I coaguli di sangue (o trombi) si formano attraverso un processo chiamato “aggregazione piastrinica”, in cui le piastrine del sangue si concentrano in una determinata area e alla fine si coagulano (3).

Sia negli studi in laboratorio che in quelli sugli animali, l’uso della curcumina da curcuma riduce notevolmente i casi di aggregazione piastrinica e potenzialmente riduce il rischio di formazione di coaguli.

La curcumina modifica un processo interno noto come biosintesi degli eicosanoidi. Gli eicosanoidi consistono in quattro diverse molecole all’interno del corpo che sono coinvolte nel processo di infiammazione naturale. È stato suggerito che uno dei motivi per cui la curcumina ha proprietà di anti-coagulazione è il modo in cui influisce sulla biosintesi dei tromboxani, uno dei quattro eicosanoidi. Questo stesso meccanismo è una delle ragioni per cui la curcuma ha proprietà antinfiammatoria.

Uno studio condotto su animali del 1986 suggerisce addirittura che la curcumina possa essere un metodo di trattamento preferibile per le persone “inclini alla trombosi vascolare e che richiedono una terapia antiartritica”. Tuttavia, questo risultato deve ancora essere replicato negli studi sull’uomo.

3. Combatte l’obesità

Uno studio pubblicato sulla rivista Biofactors ha dimostrato che la curcumina può aiutare a ridurre la proliferazione delle cellule grasse, sulla base dei risultati di laboratorio.

I ricercatori hanno scoperto che le proprietà antinfiammatorie della curcumina erano efficaci nel sopprimere i processi infiammatori dell’obesità. Contribuendo, quindi a ridurre l’obesità e i suoi “effetti avversi sulla salute” (3).

4. Può aiutare a gestire il diabete

Nel 2009, la Biochemistry and Biophysical Research Communications ha pubblicato uno studio di laboratorio dell’Università di Auburn che ha esplorato il potenziale dei curcuminoidi per abbassare i livelli di glucosio.

Lo studio ha scoperto che la curcumina nella curcuma è letteralmente 400 volte più potente della metformina (un comune farmaco per il diabete) nell’attivazione dell’enzima AMPK (proteina chinasi attivata da AMP).

Un composto prodotto dalla fermentazione della curcumina, tetraidrocurcumina, ha attivato l’AMPK fino a 100.000 volte più della metformina in alcune cellule (4).

L’attivazione di AMPK è considerata dai ricercatori come un “bersaglio terapeutico” per il diabete di tipo 2, il che significa che capire come attivare questo enzima ha il potenziale maggiore per lo sviluppo di trattamenti più efficaci per ridurre l’insulino-resistenza e regredire il diabete.

Altri meccanismi con cui la curcuma può ridurre o invertire efficacemente i sintomi del diabete, sono legati alla sua azione antinfiammatoria. Molte analisi hanno confermato che la curcumina nella curcuma riduce significativamente i marcatori infiammatori associati al diabete.

Una delle complicanze più comuni del diabete è il danno ai nervi noto come neuropatia diabetica, che assume diverse forme e può causare sintomi gravi in tutto il corpo, dalla debolezza muscolare alla cecità.

Uno studio sui ratti ha rilevato che l’integrazione con la curcumina riduce significativamente il dolore neuropatico periferico diabetico (tipicamente localizzato a piedi, gambe, braccia e mani).

La neuropatia diabetica può anche portare all’insufficienza renale. Alcuni studi hanno confermato che, negli animali, la curcumina protegge i reni dei soggetti diabetici dal danno della nefropatia diabetica.

5. Può regolare il colesterolo

Uno dei motivi per cui la malattia cardiaca è un problema è che le persone stanno sviluppando pre-diabete (glicemia alta) ad un ritmo allarmante.

A loro volta, diabetici e non diabetici allo stesso modo sono affetti da stress ossidativo, che danneggia l’interno dei vasi sanguigni. A causa di questo danno alle arterie, il colesterolo inizia a costruire la placca per riparare le aree danneggiate, il che porta a livelli elevati di colesterolo LDL.

Tradizionalmente, le statine utilizzate per gestire il colesterolo sono ampiamente conosciute per danneggiare i reni ed il fegato e causare una serie di effetti collaterali. Fanno abbassare il colesterolo, ma non affrontano mai la causa reale, che è lo stress ossidativo causato da alti livelli di zucchero nel sangue e infiammazione.

Per fortuna, i medici stanno diventando sempre più consapevoli dei pericolosi effetti collaterali delle statine e prescrivono alternative naturali come la curcumina e l’olio di pesce.

Uno studio svolto da Drugs in R. & S. ha rilevato che la curcumina era paragonabile ad atorvastatina nel ridurre lo stress ossidativo e l’infiammazione nel trattamento del colesterolo alto.

Tuttavia, un’analisi del 2014 ha concluso che la curcumina non ha avuto alcun effetto nel complesso sul colesterolo o sui trigliceridi. Lo studio ha osservato che questi risultati possono essere dovuti a brevi periodi di studio e scarsa biodisponibilità delle formulazioni di curcumina studiate.

6. Aiuta nella disintossicazione

Un grande vantaggio della curcuma è la sua capacità di disintossicare l’organismo. Ogni giorno, si è esposti a tossine ambientali ed alimentari note come xenobiotici. Queste sostanze chimiche e non presenti nel corpo umano sono spesso associate ad una maggior quantità d’infiammazione e ad un più alto rischio di cancro.

La maggior parte della disintossicazione dagli xenobiotici avviene nel fegato in due fasi. Tuttavia, molte persone, in particolare nel mondo occidentale, sono così sovraesposte a queste tossine che il fegato è teso a tal punto di funzionare a livelli non ottimali. Diversi alimenti vegetali sembrano aiutare il corpo a mantenere i suoi naturali ritmi di disintossicazione e aiutare il fegato a funzionare correttamente, e la curcuma è uno dei principali. Altri comuni alimenti disintossicanti sono le verdure crucifere (broccoli, cavoli ecc.), aglio, cipolle e scorze di agrumi.

Sembra che il consumo di curcuma e il suo principio attivo, la curcumina, possano aiutare il fegato a disintossicare efficacemente il corpo e ad alleviare alcuni effetti dei pericolosi cancerogeni. Questo processo opera in tandem con le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della curcuma.

7. Funziona come un analgesico naturale

Una delle proprietà più ampiamente accettate della curcumina nelle comunità scientifiche è la sua capacità di gestire il dolore.

All’inizio del 2014, l’European Journal of Pharmacology ha pubblicato una ricerca dove ha scoperto che la curcumina attiva naturalmente il sistema oppioide nei ratti diabetici. Tipicamente manipolato dalle droghe, questo processo naturale serve come risposta intrinseca al sollievo dal dolore del corpo.

Altri studi e recensioni approfonditi (alcuni condotti su animali, altri sull’uomo) hanno scoperto che la curcumina può essere utile per:

  • Dolore artritico indotto da infiammazione
  • Artrite/dolori articolari
  • Dolore da ustione
  • Dolore post-operatorio
  • Guarigione delle ferite

Interessante notare che l’impatto del riequilibrio cerebrale della curcumina può anche aiutare a ridurre la depressione indotta dal dolore. Uno studio del 2011 sugli animali ha rilevato che un’alta dose di curcumina risollevava i soggetti con problemi comportamentali depressivi legati al dolore (5).

Questi risultati suggeriscono che la curcuma è sicuramente nella breve lista dei potenti antidolorifici naturali.

8. Utile contro l’atrite

Poiché la curcumina è nota per le sue potenti caratteristiche antinfiammatorie e antidolorifiche, è stato condotto uno studio su 45 pazienti affetti da artrite reumatoide per confrontare i benefici della curcumina nella curcuma con il farmaco diclofenac sodico (un FANS), che mette le persone a rischio sviluppo di permeabilità intestinale e malattie cardiache.

Lo studio ha suddiviso questi volontari in tre gruppi: solo trattamento con curcumina, solo diclofenac sodico e una combinazione dei due.

I risultati del processo sono stati di grande apertura: Il gruppo di curcumina ha mostrato la più alta percentuale di miglioramento nei punteggi complessivi (punteggio di attività della malattia) e questi punteggi erano significativamente migliori rispetto ai pazienti nel gruppo con diclofenac sodico (6.

“Ancora più importante, il trattamento con curcumina è risultato sicuro e non correlato ad alcun evento avverso. Il nostro studio fornisce le prime prove per la sicurezza e la superiorità del trattamento con curcumina in pazienti con artrite reumatoide e sottolinea la necessità di studi futuri su larga scala per convalidare questi risultati”.

Pubblicato da Phytotherapy Research nel 2012, i risultati di questo studio hanno incoraggiato più ricerche umane per valutare gli effetti sorprendenti di piante ricche di curcumina come la curcuma per le persone che soffrono di vari tipi di artrite.

Una revisione degli studi randomizzati e controllati disponibili ha confermato che, degli otto studi disponibili che soddisfano i criteri, “questi studi randomizzati forniscono prove scientifiche a sostegno dell’efficacia dell’estratto di curcuma (circa 1000 mg/die di curcumina) nel trattamento dell’artrite”.

Mentre l’artrite non può essere curata, sembra che un’alta dose di curcumina possa essere altrettanto efficace o anche più del farmaco più comune prescritto per questa specifica condizione.

9. Migliora l’umore e combatte la depressione

Sebbene siano stati condotti pochi studi sull’uomo, alcune ricerche hanno dimostrato che i benefici della curcuma sono particolarmente efficaci nel ridurre i sintomi della depressione negli animali di laboratorio (7).

Questi risultati sembrano essere collegati al modo in cui la curcumina influisce sulla funzione del neurotrasmettitore attraverso il fattore neurotrofico derivato dal cervello.

Per affrontare questo problema, la rivista Phytotherapy Research ha pubblicato i risultati di uno studio sorprendente ed innovativo nel 2014.

Lo studio ha coinvolto 60 volontari con diagnosi di disturbo depressivo ed ha suddiviso il gruppo per determinare in che modo i pazienti trattati con curcumina sono andati contro la fluoxetina (Prozac).

Non solo è stato scoperto che tutti i pazienti hanno tollerato bene la curcumina, ma hanno scoperto che la curcumina era ugualmente efficace come la fluoxetina nella gestione della depressione.

La combinazione della fluoxetina con la curcumina ha comportato un miglioramento leggermente superiore, ma non è stata considerata statisticamente significativa. “Questo studio fornisce la prima evidenza clinica che la curcumina può essere usata come terapia efficace e sicura per il trattamento in pazienti con depressione lieve.”

Da quello studio rivoluzionario, in seguito, almeno altri due studi hanno osservato l’impatto del principio attivo della curcuma, la curcumina, nei pazienti con depressione. Il primo ha coinvolto 56 soggetti (maschi e femmine) e il secondo ha coinvolto 108 partecipanti maschi.

Entrambi gli studi hanno usato un placebo ma non hanno confrontato la curcumina con nessun antidepressivo, ed entrambi gli studi hanno scoperto che la curcumina riduceva efficacemente i sintomi della depressione più del placebo.

Poiché gli antidepressivi sul mercato attualmente producono solo un 10/20% di efficacia quando rimuovi l’effetto placebo, lo definirei quindi un risultato piuttosto significativo.

10. Protegge la pelle

I benefici della curcuma comprendono proprietà antinfiammatorie e antiossidanti che si sono dimostrate efficaci nel trattamento di più patologie cutanee.

I benefici per la pelle della curcuma sono: l’aumento della lucentezza della pelle, riduce l’acne e le cicatrici causate da essa, ha notevoli proprietà cicatrizzanti e controlla la riacutizzazione della psoriasi.

Uno studio pilota che coinvolge 814 partecipanti suggerisce addirittura che la pasta di curcuma potrebbe curare il 97% dei casi di scabbia in 3-15 giorni.

11. Efficace per l’intestino

Un’analisi approfondita di tutti gli studi che hanno valutato la capacità della curcumina di gestire la colite ulcerosa ha rilevato che uno studio ben progettato ha testato la curcumina più la mesalazina (il comune FANS prescritto per questo problema) contro il placebo più la mesalazina.

I pazienti che assumevano solo il placebo e mesalazina avevano una probabilità quattro volte maggiore di subire una recidiva o una riacutizzazione della malattia durante i sei mesi in cui è durato lo studio, suggerendo che i benefici della curcuma può essere un aiuto alla regressione di questa malattia cronica.

Un piccolo studio pilota ha studiato il beneficio dell’integrazione di curcumina per i pazienti che soffrono di colite ulcerosa e pazienti con il morbo di Crohn. Sebbene la dimensione del campione fosse molto piccola, tutti i pazienti con colite ulcerosa e 4 su 5 pazienti affetti dalla malattia di Crohn presentavano miglioramenti marcati nell’arco di due mesi, suggerendo la necessità di ulteriori ricerche.

Per molti pazienti con malattie infiammatorie intestinali come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn, i corticosteroidi (farmaci antinfiammatori) riducono i sintomi del dolore ma nel tempo danneggiano il rivestimento intestinale, peggiorando le condizioni. Ecco perché questi farmaci non possono essere usati per lungo tempo e servono solo inizialmente per rimettersi.

Tuttavia, l’integrazione con la curcumina non ha avuto questi effetti collaterali in nessun studio e, a causa delle sue proprietà antinfiammatorie, probabilmente ha aiutato a guarire l’intestino e sostenere la crescita di batteri buoni (probiotici).

12. Potente antiossidante, combatte l’invecchiamento

La curcuma ha delle eccezionali qualità antiossidanti, perché in grado di trasformare i radicali liberi in sostanze innocue per il nostro organismo. Di conseguenza, è in grado di rallentare l’invecchiamento cellulare.

13. Proprietà antitumorali

Una delle proprietà più sorprendenti della curcuma è l’effetto antitumorale.  Questa preziosa pianta, infatti, contrasta l’insorgere della leucemia e di ben otto tipi di tumore che colpiscono colon, prostata, bocca, polmoni, fegato, pelle, reni e mammelle.

La validità di questa teoria che viene tramandata da secoli dalla tradizione popolare e confermata da nuove teorie mediche e da un dato reale: in India e più in generale in Asia (il continente dove si consuma più curcuma in assoluto), l’incidenza dei tumori è molto più bassa rispetto al resto del mondo.

Di tutti i vari argomenti che gli scienziati hanno affrontato riguardo alla curcumina e alla regressione della malattia, il cancro è uno degli argomenti più approfonditi (8).

Nelle parole di autorità illustri come Cancer Research UK: “Un certo numero di studi di laboratorio sulle cellule tumorali hanno dimostrato che la curcumina ha effetti antitumorali. Sembra essere in grado di uccidere le cellule tumorali e impedire la loro crescita. Ha i migliori effetti sul tumore al seno, quello all’intestino, allo stomaco e sulle cellule del cancro della pelle.”

Uno studio condotto su animali nel luglio 2017 dai ricercatori del Baylor Scott & White Research Institute ha scoperto che la curcumina può persino essere in grado di superare la chemio-resistenza nell’adenocarcinoma duttale pancreatico, una forma aggressiva di cancro al pancreas.

I medici affrontano comunemente la sfida dei pazienti che inizialmente rispondono ai farmaci chemioterapici e successivamente sviluppano la resistenza. La curcumina sembra ri-sensibilizzare le cellule cancerogene di questi pazienti ai farmaci, anche se gli esatti meccanismi della chemio-sensibilizzazione alla curcumina rimangono ambigui. Autore dello studio. Ajay Goel, direttore della ricerca gastrointestinale e genomica traslazionale e oncologia presso il Baylor Scott & White Research Institute, ha dichiarato: “I prodotti botanici a base alimentare hanno il potenziale per ripristinare un’espressione genica più sana nei pazienti, ma senza la tossicità di determinati farmaci”.

In poche parole, i benefici della curcuma sono di aiutare il corpo a curare naturalmente il cancro come il tumore al seno, il tumore del colon e della pelle. Può anche aiutare con la resistenza alla chemioterapia.

Medicina tradizionale cinese e Ayurveda

 La curcuma è supportata da oltre 10.000 studi pubblicati, ma se si approfondisce, si scopre che la curcuma è stata usata nella medicina antica molto tempo addietro rispetto ai moderni archivi scientifici.

I principi senza tempo delle pratiche di medicina naturale nella Medicina Tradizionale Cinese e nell’Ayurveda sono molto di ciò che ha portato gli scienziati moderni a documentare i meccanismi di spezie ed erbe preziose come la curcuma.

Nella Medicina Tradizionale Cinese(MTC) e nella medicina Ayurvedica i professionisti si riferiscono alla curcuma come una “spezia riscaldante”, ma prima agisce “raffreddando” e “asciugando” il corpo.

Spesso la curcuma viene prescritta ai pazienti che presentano ristagni di sangue e di QI. Le condizioni causate da questi problemi possono essere: dolori mestruali, ingrossamento del fegato o della milza, cirrosi epatica, lesioni traumatiche e disturbi emorragici.

Alcuni medici cinesi consigliano la curcuma per condizioni come convulsioni, squilibri ed epilessia.

Poiché può asciugare e raffreddare il “calore umido”, può anche essere prescritta nella Medicina Cinese per ittero e calcoli biliari.

La Medicina Orientale si concentra molto sulle combinazioni di diversi elementi.  Tuttavia, l’assorbimento della curcuma varia molto a causa di ciò che si consuma assieme ad essa.

Ad esempio, sia nella MTC che nell’Ayurveda, la curcuma dovrebbe essere consumata assieme a grassi buoni (come l’olio di cocco) e pepe nero. I ricercatori hanno confermato che l’assunzione della curcuma insieme a grassi sani e pepe nero aumenta notevolmente l’assorbimento della curcuma (e successivamente della curcumina) nel corpo. Entrambi questi processi hanno senso, perché la curcuma è liposolubile e la piperina nel pepe nero stimola gli enzimi digestivi e riduce l’infiammazione.

Valori nutrizionali:

Un cucchiaio (7 g.) di curcuma macinata contiene circa:

  • 23,9 calorie
  • 0,5 g. proteine
  • 4,4 g. carboidrati
  • 0,7 g. grasso
  • 1,4 g. fibra
  • 2,8 mg ferro
  • 0,5 mg manganese
  • 170 mg potassio
  • 13 mg magnesio
  • 0,1 mg Vitamina B6
  • 1,7 mg Vitamina C

I benefici della curcuma provengono da questi nutrienti, insieme alla sua minore quantità di vitamina E, vitamina K, niacina, folato, fosforo, calcio, rame e zinco.

Gli usi della curcuma

La dose giornaliera consigliata è di due cucchiaini da caffè e la potete assumere come spezia a fine cottura dei cibi, ma è ottima anche per insaporire le nostre salse, yogurt e formaggi freschi.

La curcuma si presenta come un ottimo insaporitore delle nostre pietanze, poiché ha un gusto molto fresco e delicato.

Per facilitarne l’assorbimento e per potenziare la sua efficacia potete abbinarla anche al tè verde, al pepe nero e all’olio d’oliva.

Anche se usare la curcuma frequentemente in cucina è un ottimo modo per sfruttare questa spezia (in particolare con grassi sani e pepe nero), la curcuma contiene solo il 3% di curcumina riassorbibile nella forma in polvere utilizzata negli alimenti.

La curcuma è anche l’ingrediente principale del Golden Milk, una bevanda tradizionale della medicina ayuverdica.

Quindi, oltre ad aggiungere la curcuma alla tua dieta alimentare, potresti anche prendere in considerazione l’assunzione di curcumina sotto forma di integratore: alcuni integratori di curcuma di alta qualità contengono fino al 95% di curcuminoidi.

Ci sono alcune cose da considerare quando si acquista un buon integratore di curcuma. Primo, prova a trovare un integratore contenente pepe nero per ottenere la massima capacità di assorbimento.

Secondo, considera una pillola o capsula di curcuma fermentata – il processo di pre-digestione ti aiuta ad assorbirla in modo più efficace. Successivamente, cerca un integratore di curcuma con altri ingredienti di supporto come ad esempio ashwagandha, cardo mariano, dente di leone o menta piperita. Infine, assicurati che il prodotto sia ottenuto da curcuma biologica, se possibile, senza OGM.

Se scegli di assumere un integratore a base di curcumina o di curcuma, non ci sono istruzioni specifiche sull’ora del giorno per assumere la curcuma, poiché non causa sonnolenza o effetti stimolanti.

La curcuma è anche disponibile come olio essenziale, che può essere usato assieme alla curcuma in cucina e sotto forma d’integrazione. Se hai intenzione di usare l’olio essenziale di curcuma internamente importantissimo è la qualità dell’olio. Diluire sempre in acqua o altri liquidi. Ad esempio, puoi metterne una goccia in un frullato al mattino.

Controindicazioni:

La curcuma potrebbe creare delle reazioni allergiche in soggetti predisposti, specialmente dopo l’esposizione della pelle.  Si potrebbe verificare una leggera eruzione cutanea pruriginosa. Inoltre, è stato osservato che alte dosi di curcuma potrebbero causare:

  • Diarrea
  • Nausea
  • Aumento dei test di funzionalità epatica
  • Ipotensione (abbassamento della pressione sanguigna)
  • Aumento del rischio di sanguinamento
  • Aumento del flusso mestruale
  • Contrazioni iperattive della cistifellea
  • Contrazioni uterine in donne in gravidanza

Le persone che assumono determinati farmaci dovrebbero fare attenzione quando usano la curcuma sia in cucina o come integratore. La curcuma può interferire con gli anticoagulanti come l’aspirina. Può anche influenzare farmaci come gli antinfiammatori non steroidei (FANS).

Altre persone che dovrebbero fare attenzione con la curcuma sono le donne in gravidanza, chi ha disfunzioni della colecisti, diabete, problemi di sanguinamento e persone con problemi ormonali (carcinoma mammario, endometriosi, fibromi uterini ecc.), uomini con problemi di fertilità e chiunque abbia carenza di ferro. In genere queste precauzioni implicano l’accertamento di essere sotto la supervisione di un medico. Fatta eccezione per la gravidanza, le persone con le condizioni di cui sopra possono tollerare bene la curcuma e dovrebbero solo essere consapevoli di eventuali potenziali sintomi che si potrebbero verificare.

Le poche segnalazioni di gravi effetti collaterali sono generalmente dovute a dosi massicce di curcuma che si sono protratti per lunghi periodi di tempo. In generale, la curcuma è sicura da usare quotidianamente nelle dosi raccomandate nella maggior parte delle persone.

Un consiglio importante, interrompere l’assunzione di curcuma due settimane prima di un intervento chirurgico programmato, poiché potrebbe rallentare la coagulazione del sangue e interferire con il sanguinamento.

Uno studio che è stato pubblicato sul Journal of Pharmacy and Pharmacology descrive come combinare la curcumina con il prednisolone (uno steroide) riduce efficacemente gli effetti collaterali di questo farmaco pericoloso, quindi potrebbe essere utile parlare col proprio medico circa l’attenuazione di alcuni effetti collaterali del farmaco aggiungendo la curcuma alla vostra dieta (9).

 

4.23 / 5 (13 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.