Giuggiole dolcissimi frutti antichi dalle tante proprietà benefiche!

Giuggiole

Le giuggiole sono un frutto molto interessante con una storia ancora più interessante. Dalla famiglia botanica Rhamnaceae o Spincervino, sono coltivati ​​in Cina da oltre 4000 anni, ecco perché alcune varietà sono definite mandarini cinesi .

Ci sono almeno 400 varietà di giuggiole, sviluppate con successo per le loro caratteristiche distintive – principalmente le varietà migliori per il consumo fresco e altre per l’essiccazione per ottenere una consistenza gommosa e datata. Mentre gli alberi della giuggiola sono estremamente resistenti e possono prosperare anche a temperature estreme e con pochissima  pioggia amano le zone soleggiate e ombreggiate.
Gli alberi della giuggiola hanno foglie verdi lucenti, fiori dall’aspetto modesto e frutti di dimensioni da uva a fragola che contengono un unico grande seme al centro.
Le giuggiole sono bianche o  rosse dentro, secondo la varietà e fuori, con una consistenza croccante, una buccia commestibile e un sapore di mela dolce.. A maturazione, possono essere conservate a temperatura ambiente per circa una settimana.

Le varietà di giuggiola da essicazione possono essere utilizzate per sostituire le mele nelle ricette. Basta sbucciare il frutto e rimuovere il singolo seme all’interno. Le giuggiole possono anche essere decapate intere o utilizzate per preparare il tè.

Benefici per la salute delle giuggiole

Le giuggiole contengono magnesio, potassio, rame, niacina, calcio, manganese, fosforo e ferro. Contengono 20 volte più vitamina C di qualsiasi agrume, rafforzano il sistema immunitario e combattono le infezioni, il motivo per cui sono state usate in medicina per millenni in molte culture, come un tè  o uno sciroppo per il mal di gola.
Studi medici hanno scoperto che i frutti e gli estratti di giuggiola hanno la capacità di abbassare la pressione sanguigna, aiutare il lavoro del fegato, utili contro l’anemia . Gli estratti di giuggiola sono anche usati in prodotti per la cura della pelle usati per diminuire le rughe, per alleviare la pelle secca e per trattare il dolore da scottatura.
Ricerche hanno identificato otto flavonoidi nel frutto della giuggiola, tra cui spinosina che ha proprietà sedative – indubbiamente la ragione per cui i semi di giuggiola sono usati per trattare l’ansia e l’insonnia nella medicina tradizionale cinese.
Mangiare giuggiole aiuta a mantenere i livelli di colesterolo nei range di normalità . L’apigenina flavonoide (che si trova anche nella camomilla, timo e vino rosso) contiene antiossidanti e proprietà antinfiammatorie, inoltre può influire positivamente sul fegato, la digestione e le allergie.

Tuttavia, consumare le giuggiole con moderazione perché contengono fruttosio, che potrebbe essere dannoso per la salute in quantità eccessive, sono sconsigliate per chi soffre di diabete .

Curiosità

Alcune leggende in paesi asiatici affermano che gli alberi di giuggiola venivano osservati da vicino perché il loro odore dolce aveva la reputazione di far innamorare le persone.

 

Autrice: Elisabetta Biagi

5 / 5 (1 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.