Anche l’alimentazione può aiutare a migliorare il tono dell’umore.
Ogni individuo tende infatti, inconsciamente a consumare cibi che possano modificare in senso positivo la “biochimica” del proprio cervello, cioè la sintesi ed il rilascio dei neurotrasmettitori.

Un’alimentazione equilibrata e corretta permette un giusto apporto di nutrienti e un buon funzionamento dell’organismo e contribuisce, inoltre, a tenere costanti i livelli di glucosio nel sangue.

Il cervello, in particolare, necessita di una somministrazione costante di glucosio, in caso contrario si possono manifestare sintomi di diversa gravità, come ansia, irritabilità, astenia, affaticamento, debolezza ecc.

L’ipoglicemia è molto comune negli individui depressi, ai quali si consiglia di evitare gli zuccheri raffinati e preferire alimenti come: pasta, pane, cereali integrali, legumi e ortaggi, ricchi di zuccheri complessi, vitamine e sali minerali.

Anche carenze di vitamine del gruppo B, in particolare di Acido Folico (vitamina B9) le di vitamina B12, possono peggiorare la depressione, per cui può essere necessaria una integrazione.

L’Acido Folico e la vitamina B12

forniscono infatti mettili, importanti molecole cerebrali, inclusi i neurotrasmettitori.

Le verdure a foglia verde, come spinaci ed insalata consumate crude, sono “fonte di buon umore”, perchè sono ricche di acido folico.

Altri alimenti che contengono questa vitamina sono la soia, il tuorlo dell’uovo, il FEGATO, gli ASPARAGI, le LENTICCHIE, i cereali integrali, il lievito di birra, i broccoli e il cavolfiore.

La vitamina B12

è invece presente soprattutto nel Fegato di vitello e maiale, nei Fegatini di pollo, nelle ostriche, nelle aringhe, negli sgombri e nelle sardine sott’olio.

L’alga spirulina può essere usata come fonte vegetale di vitamina B12. Si consiglia anche l’assunzione di acidi grassi essenziali della serie omega-3 (contenuti nel salmone e nel pesce azzurro, come acciughe, sardine e sgombro, oltre che in integratori alimentari di olio di pesce, olio estratto dalle alghe e olio di lino), perché contribuiscono a mantenere una corretta fluidità di membrana nelle cellule nervose, caratteristica che influenza direttamente la sintesi e il legame dei neurotrasmettitori e la trasmissione dei segnali nervosi.

Praticare regolarmente sport

passeggiate a passo veloce, nuoto, aerobica, ciclismo ecc. in modo adeguato alle proprie condizioni fisiche ed età, può risultare un buon rimedio per migliorare uno stato di depressione.

Infatti, in risposta all’ esercizio fisico, il nostro cervello produce le endorfine, sostanze dotate di una potente attività analgesica e stimolante, in grado di regolare il tono dell’umore, influenzare positivamente lo stato d’animo, aumentare l’autostima e la resistenza agli stress.

Ecco perché dopo aver praticato un po’ di attività fisica, si prova un senso di benessere e di riduzione di ansia e nervosismo.

È stato ipotizzato che anche quando si mangia il cioccolato, in particolare quello fondente, viene stimolata la liberazione di endorfine, per cui un suo consumo moderato può contribuire in “momenti difficili” a farci sentire meglio. Il cioccolato contiene inoltre piccole quantità di anandamide, un cannabinoide prodotto naturalmente anche dal nostro cervello, che determina una sensazione di euforia e benessere.

Bere un quantitativo limitato di caffè o tè può migliorare il tono dell’umore e la capacità di concentrazione nelle forme lievi di depressione; un consumo eccessivo può al contrario aumentare l’ansia e disturbare il riposo notturno e quindi peggiorare la situazione.

È preferibile invece evitare l’alcol, che deprime il sistema nervoso centrale, interferisce con numerosi processi cerebrali e altera i normali cicli del sonno. L’ingestione di alcol induce anche ipoglicemia che, come già detto, aggrava i problemi emotivi e mentali.

Naturopata Angela Gimelli
Autore

Vivo a Genova dove svolgo la libera professione di Naturopata. Nella mia vita sono sempre stata attenta a tutto ciò che è "natura" ed ho seguito i più svariati corsi sull'argomento. Ho conseguito il diploma di Naturopatia presso la Scuola Superiore di Naturopatia di Genova affiliata Universite' Europeene Jean Monnet. Ho approfondito con varie specializzazioni come Cristalloterapia e Aromaterapia e attualmente sono Wellness Advocate Doterr