Come fare l’olio di Iperico

olio iperico

Iperico, detto anche Erba di San Giovanni, è una pianta perenne molto comune, lo si trova facilmente in tutta Italia, nei prati incolti e cresce spontaneamente, lo si trova presso i bordi delle strade, orti, campi incolti, vicino ai campi coltivati.

Conosciuto con il suo nome latino Hyperifu Perforatum. Fa parte della famiglia delle Hypericacee, Guttiferae. Le parti utilizzate per l’estrazione sono le foglie e le sommità fiorite.

L’iperico è molto utile come antiinfiammatorio, antisettico, cicatrizzante, sedativo ed antidepressivo

L’olio essenziale ricavato dai fiori dell’iperico

Viene principalmente utilizzato per uso esterno in caso di dolore, come antisettico per brufoli e foruncoli, in caso di piaghe, ulcerazioni, pruriti, ustioni, emorroidi, eritemi.

Le sue proprietà antiinfiammatorie, rinfrescanti e cicatrizzanti.

Stimola la rigenerazione cutanea

Viene utilizzato a livello cosmetico per pelli secche, screpolate e atoniche e nei prodotti per capelli grassi o devitalizzati, lo si trova disponibile nelle erboristerie, dove hanno prodotti a base di iperico, anche con funzioni diverse ma di sicura efficacia.

Come fare l’olio di Iperico, Erba di san Giovanni

  • Raccogliere i fiori in una giornata di sole, almeno 100 grammi.
  • Dopo avere raccolti i suoi raccolti i fiori, metterli in un vaso di vetro riempirlo completamente, lasciarlo aperto sul davanzale di casa al sole, per una giornata.
  • Poi mettere nel vaso 1 litro di olio extravergine di oliva, di ottima qualità, in modo da ricoprire completamente tutti i fiori.
  • Chiudere ermeticamente il vaso e lasciarlo sul davanzale della finestra all’aperto, sotto il sole, per almeno 30 giorni, agitandolo leggermente ogni tanto per fare mescolare il contenuto.
  • Trascorso il tempo necessario, filtrare l’olio di iperico, che sarà diventato rosso intenso in un vaso di vetro scuro. Conservare l’olio di iperico al buio.

Le proprietà dell’olio di Iperico

Quest’olio ha proprietà lenitive, astringenti e cicatrizzanti. Utile per il trattamento dell’acne, ustioni e bruciature

Stimola la rigenerazione cellulare, usato acne come antirughe.

Ottimo contro gli eritemi solari, prurito, psoriasi, anche per la secchezza della pelle del viso, piaghe da decubito.

Curiosità

L’erba di San Giovanni, la chiamano anche erba cacciadiavoli, perché nelle credenze popolari le attribuivano il potere di allontanare gli spiriti maligni. La pianta veniva appesa alla porta, o piantata vicino alla casa. Il suo profumo è simile all’incenso.

Secondo la tradizione i suoi fiori si raccolgono il 24 giugno, il giorno di San Giovanni, al massimo della loro fioritura, proprio nel periodo del solstizio d’estate, infatti se ne consiglia la loro raccolta, possibilmente in particolare in queste date, facendo attenzione, lontano dai bordi delle strade, nei luoghi più naturali e da fonti di inquinamento.

Fare attenzione

L’iperico è fotosensibilizzante, quindi dopo un trattamento non esporsi al sole.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.