Le prime cure del neonato: la medicazione del moncone ombelicale

images_Foto_Articoli_cura-neonato_cordone-ombelicale

La medicazione del moncone ombelicale è una delle cose che più angoscia i neo genitori una volta giunti a casa: alcool, garze, rete…e poi acqua ossigenata e cicatrene…come fanno ad essere sicuri di non sbagliare? Ecco una guida su come fare !

La cosa che angoscia maggiormente i neo genitori a casa è il cordone ombelicale!

Lo scopo del cordone ombelicale è finito con la nascita; ora per avere un vero ombelico bisogna che il moncone si stacchi dalla pancia del nostro piccolo.

Cos’è il Cordone ombelicale  e da cosa è formato

Il cordone ombelicale è formato da gelatina (gelatina di Worthon), più o meno spessa e lunga circa 50 cm, che racchiude e protegge 1 vena e 2 arterie che sono servite durante la gravidanza per dare sostentamento e smaltire i cataboliti del feto che però ora è un bimbo! La parte più lunga del cordone ombelicale è stata espulsa dalla mamma con il secondamento; la parte finale è ancora attaccata al piccolo, a volte correlato di una molletta (cord clamp).

Non tutti i monconi ombelicali “cadono” nello stesso momento; il tempo è ragionevole sino ai 10-12 giorni, per cui abbiate pazienza e prendetevene cura!

Quando e come eseguire la medicazione del moncone ombelicale

La medicazione si deve eseguire almeno una volta al giorno, ma anche più volte se il nostro piccolo ci fa la pipì sopra!

Il materiale occorrente è: alcool, garza sterile e rete elastica.

L’obiettivo è fare seccare il moncone perché si stacchi, un po’ come avverrà fra qualche anno con i dentini…prima o poi cadono ed è possibile che esca qualche goccia di sangue.

Dunque quando si medica il moncone bisogna avere l’accortezza di pulire bene alla base, dove si attacca al pancino, perché poi è lì che se non è ben pulito si infiamma e si forma il pus, ma se saremo bravi e lo puliremo tutti i giorni non succederà!

Medicazione prima del distacco del cordone ombelicale

Pulire bene con una garza imbevuta di alcool e controllare se rimane pulita o se si sporca un pochino: una crosticina giallastra, poca, e secrezione tipo sierosa sono normali, a volte anche una gocciolina di sangue ci annuncia che una parte della base del cordone si sta staccando.

Una volta pulito bene si riavvolge con una garza asciutta e si fissa con la rete elastica.

Dicevo che almeno una volta al giorno si deve fare la medicazione, di solito quando si fa il bagnetto, ma se cambiando il pannolino vi accorgete che la medicazione è bagnata, rifatela ancora ed ancora!!!

Medicazione dopo il distacco del moncone ombelicale.

Quando cade il moncone la medicazione che andrà fatta si modifica un pochino: ora dovremo usare acqua ossigenata, polvere di cicatrene ( un po’ di antibiotico in questo caso ci vuole!), garze sterili e rete elastica.

Puliremo bene la base con una garza imbevuta di acqua ossigenata, possiamo lasciare agire l’acqua ossigenata da sola osservando la caratteristica effervescenza;

Asciughiamo bene e applichiamo una spruzzata di cicatrene, quindi chiudiamo con la garza e la rete.

Con questa medicazione si formerà una crosticina che poi verrà via e forse ancora un’altra che poi cadrà….quando non si formano più crosticine e la cute sarà rosea…siamo stati bravi e  abbiamo finito!

Un pensiero su “Le prime cure del neonato: la medicazione del moncone ombelicale”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *