Avena a colazione, le proprietà dell’avena

avena_a_colazione_proprietà

Avena proprietà terapeutiche e benefici del consumo di avena a colazione e i suoi valori nutrizionali

 

Tra tutti i cereali, l’avena (Avena Sativa) detiene il primato di alimento più ricco in proteine (12,6-14,9%) e di sostanze grasse, tra cui l’essenziale acido linoleico.

L’avena ha un ottimo contenuto anche di fibre solubili, che rendono l’avena un alimento ideale per rallentare l’appetito, regolarizzare la funzione intestinale e normalizzare il peso corporeo. Non è quindi un caso che la medicina popolare descriva la farina di avena come alimento nutritivo e rinforzante, adatto soprattutto per bambini e convalescenti.

I valori nutrizionali dell’avena e i suoi benefici per abbassare il colesterolo e per proteggerci dall’aterosclerosi

Le tabelle alimentari riportano 389Kcal per 100g di avena, con 66% di carboidrati, 17% di proteine e 7% di acidi grassi, la restante parte è suddivisa tra vitamine del gruppo B, soprattutto la Tiamina, i minerali tra cui fosforo, magnesio, manganese, ferro, zinco, potassio e rame.

I benefici dell’avena sono relativi anche all’abbassamento dei livelli di colesterolo, tra,ite una fibra solubile in essa contenuta, il betaglucano, che quando si deposita nell’intestino intrappola il colesterolo di provenienza alimentare in un gel appiccicoso non assorbibile che attraversa l’intestino portando via con sé il colesterolo.
Per accentuare il suo effetto ipocolesterolemizzante, si consiglia il consumo di crusca d’avena. Questo alimento, grazie alla sua altissima capacità di attirare acqua e alla presenza di molti oligoelementi utili, abbassa in tempi brevi il colesterolo “dannoso” (LDL), senza influenzare quello “buono” (HDL), in generale abbassa il colesterolo totale dall’8% al 22%.
Si tratta di un dato molto significativo, perché ogni diminuzione dell’1% del livello di colesterolo siero corrisponde a una diminuzione del 2% del rischio di sviluppare malattie cardiache.
Mangiare regolarmente avena è quindi un ottimo modo per proteggere le nostre arterie dall’aterosclerosi.

Una nota interessante riguarda l’ottimo valore biologico delle proteine dell’avena; in particolare l’avena vanta un buon contenuto in lisina, nettamente superiore rispetto agli altri cereali, nutritivo e riequilibrante, anche per i vegetariani.

I Β-glucani presenti nella fibra solubile agiscono positivamente anche nei confronti di altre patologie dismetaboliche tipiche delle società industrializzate. Il basso indice glicemico, per esempio, la rende un alimento prezioso per i diabetici, che possono beneficiare del suo effetto stabilizzante sui livelli glicemici. Questa caratteristica è importante anche nella lotta contro i kg di troppo, poiché aiuta a controllare l’apporto di cibo prolungando il senso di sazietà dopo il pasto.
Da segnalare anche la presenza di avenina, un alcaloide concentrato nella crusca e dotato di effetto tonificante, energetico e riequilibrante. L’avena ha inoltre proprietà diuretiche e lassative (stimola l’intestino pigro), che contribuiscono a renderla una scelta salutare in qualsiasi momento della giornata.

Come ci aiuta: l’avena per fegato, intestino, apparato cardiaco e sistema nervoso

L’avena quindi è un cereale con numerosi effetti benefici per la nostra salute. Antenata dell’avena è l’avena rossa selvatica (o avena bizantina), cereale di origine asiatica che appare in Europa verso il VI secolo a.C. A causa della facile deteriorabilità greci e romani la consideravano una “mala erba”, e la impiegavano quindi come alimento per il bestiame.
Infatti in Italia, fino a pochi anni fa, l’avena era destinata prevalentemente all’alimentazione degli animali.
L’avena è una fonte di carboidrati a lenta digestione, ricca di fibre e per questo in grado di fornire energia a lungo termine senza causare picchi insulinici.

Nel nostro Paese le applicazioni dietetiche dell’avena sono relativamente recenti, nonostante questo cereale abbia alle spalle antichissime tradizioni.Sarà solo con scozzesi, bretoni, tedeschi e scandinavi che l’avena verrà utilizzata come alimento; furono proprio gli scozzesi che portarono l’avena nel Nuovo Mondo.
Questa pianta annuale riesce a superare anche i climi rigidi delle regioni nordiche. In tali zone il consumo di avena è ancora ampiamente diffuso, soprattutto per la preparazione di piatti tradizionali come il porridge.

L’avena è quindi un alimento fondamentale nella dieta delle popolazioni nord-europee e, a seconda della lavorazione, viene consumata sotto forma di farine, fiocchi, semi. A differenza di altri cereali come frumento e orzo, anche lavorata, l’avena mantiene la crusca e il germe, che sono le parti del chicco in cui si trovano la maggior parte delle sostanze nutrienti.
L’avena è grande alleata di fegato, intestino, apparato cardiaco e sistema nervoso; si sta studiando inoltre la possibile efficacia di saponine e acido fitico, componenti dell’avena, nella prevenzione del cancro. Consumando 1 porzione di crusca di avena si assumono circa 3 g di fibre: l’avena ha proprietà diuretiche e lassative che stimolano l’intestino pigro.

L’avena, il cereale senza grassi e povero di carboidrati, prezioso per chi soffre di diabete

L’avena è uno dei cereali contenenti più proteine (fino al 17%) e meno carboidrati, ed è quello che contiene più grassi in assoluto. Se a questo aggiungiamo l’11% di fibre, otteniamo uno dei cereali con il più basso indice glicemico, che la rende particolarmente adatta per i diabetici.

L’avena è’ l’ ingrediente tradizionale del muesli, i suoi fiocchi insieme a quelli di altri cereali e frutta secca, vengono utilizzati nella preparazione di questo prodotto, ma viene ormai aggiunta in quasi tutti gli alimenti dietetici per la prima colazione.

Nell’alimentazione umana dell’avena viene utilizzata la cariosside, generalmente privata dei suoi involucri fibrosi (decorticata) e ridotta in farina (macinazione) o in fiocchi (tramite pressione dei chicchi, freschi o precotti a vapore).

Tra le sostanze minori presenti nell’avena troviamo l’avenina, con proprietà tonificanti, e la auxina, una sostanza vegetale simile agli ormoni.

Come si trova l’avena e come consumarla
L’avena si trova sottoforma di fiocchi (ottenuti per cottura a vapore dei chicchi, che vengono poi schiacciati tra due rulli), di chicchi decorticati e di farina.

Oggigiorno la diffusione è abbastanza comune, in tutti i supermercati è facile trovarla nelle varie formulazioni.

Avena a colazione: L’avena in cucina: come si prepara e quando è meglio consumarla

L’avena in chicchi va bollita per 35 minuti circa e si può consumare al posto del riso, come contorno per carni salsate, oppure per preparare insalte fredde.
I fiocchi di avena si possono consumare crudi nella prima colazione in una bevanda fredda o calda, oppure cotti per produrre dolci o zuppe, oppure aggiunti alla farina di frumento per produrre un pane più saporito.

photo credit: Matt Lavin via photopin cc

Un pensiero su “Avena a colazione, le proprietà dell’avena”

  1. Ho trovato l’articolo molto interessante e soddisfacente. Per quello che mi interessava sapere e stato esaudiente.
    Grazie……TINA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.